Michelozzo Marra

Se il disegno che lei ha immaginato le riesce, nessun creditore potrà aggredire il bene di proprietà del comodante per debiti accumulati del comodatario.

Bisogna tuttavia ricordare che, ai sensi dell’articolo 524 del codice civile, se taluno rinunzia, benché senza frode, a un’eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l’eredità in nome e luogo del rinunciante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti.

Il diritto dei creditori si prescrive in cinque anni dalla rinunzia.

La norma è stata scritta proprio per contrastare il disegno del chiamato all’eredità che, oberato di debiti, potrebbe essere indotto a rinunciare all’eredità sapendo che questa si devolverebbe, poi, a suoi stretti familiari. Ciò consentirebbe al rinunciante di conseguire un vantaggio, seppur indiretto, in danno delle ragioni dei suoi creditori.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.