Tullio Solinas

La normativa vigente in materia dispone che la pensione vada restituita all’INPS qualora il decesso del pensionato avvenga prima dell’accredito della pensione: viceversa, se il decesso del pensionato avviene in data posteriore all’accredito della pensione, la somma erogata a titolo di prestazione pensionistica non dovrà essere restituita.

Se Banca Intesa è stata avvisata nelle 48 ore successive al decesso del pensionato, non v’è sicuramente dolo nel prelievo effettuato: ma l’importo della pensione corrisposta in data successiva al decesso e prelevato da sua sorella nel gennaio 2004 va sicuramente restituito.

Il termine di prescrizione è quinquennale ma bisognerebbe sapere, con accesso agli atti presso l’INPS, se dal 2011 a questa parte siano state, o meno, notificate anche per compiuta giacenza presso l’ufficio postale, ad uno o ad entrambi gli eredi del pensionato defunto, formali comunicazioni interruttive dei termini di prescrizione o un avviso di addebito immediatamente esecutivo.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.