Chiara Nicolai

Il suo è un timore ben fondato: prima di procedere dovrebbe avere individuato il conto corrente di un terzo (amico o parente fidato) su cui dirottare l’importo del prestito una volta accreditato sul suo conto corrente.

Se non ha amici o parenti a cui affidare l’importo del prestito, l’unica è ricorrere alla classica mattonella. Se sarà attento e pronto a ritirare in contanti i soldi appena accreditati dal prestatore (è un suo diritto e nessuno può negarglielo) Agenzia delle Entrate Riscossione non riuscirà a pignorarle il conto corrente per tempo.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.