Ludmilla Karadzic

Non può risolvere: dovrà rischiare la segnalazione nella Centrale Rischi di Intermediazione finanziaria (CRIF) e la eventuale permanenza per 36 mesi in quel Sistema di Informazioni Creditizie (SIC).

Ma quel che è peggio, il debito potrebbe anche non essere ceduto a terzi, classificato come credito in sofferenza, censito nella Centrale Rischi della Banca d’Italia e qui permanervi a tempo indeterminato.

Con la cessionaria del credito potrà trattare una rateizzazione del debito ed anche uno sconto.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.