Carla Benvenuto

Si tratterà del solito pignoramento infruttuoso presso il datore di lavoro del debitore inadempiente: non è la prima volta che capita e non sarà l’ultima.

Il creditore ci proverà al prossimo giro, con un altro eventuale datore di lavoro e la somma pretesa sarà gravata, in quella occasione, oltre che dagli interessi di mora anche dalle spese legali e di procedura subite per questo tentativo di riscossione coattiva non andato a buon fine.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.