Paolo Rastelli

Qualora il debitore estingua il debito, l’Agente della Riscossione è tenuto a provvedere, tempestivamente, ma a spese del debitore stesso e su richiesta specifica, alla cancellazione dell’ipoteca iscritta a garanzia dell’adempimento.

Tuttavia è anche possibile vendere la casa gravata da ipoteca con l’assenso dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, che provvederà a consegnare al venditore l’importo residuo, al netto del debito per cui fu iscritta ipoteca e delle spese di cancellazione, e garantendo contestualmente all’acquirente la cancellazione dell’ipoteca.

Infatti, l’articolo 52 comma 2 bis del DPR 602/1973, prevede che il debitore ha facoltà di procedere alla vendita del bene ipotecato con il consenso dell’agente della riscossione, il quale interviene nell’atto di cessione e al quale é interamente versato il corrispettivo della vendita. L’eccedenza del corrispettivo (rispetto al debito ed alle spese di cancellazione dell’ipoteca, é rimborsata al debitore entro i dieci giorni lavorativi successivi all’incasso.

In ogni caso, si tratta, di procedure che possono essere preventivamente concordate con il notaio individuato per il rogito notarile.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.