Andrea Ricciardi

Nei debiti ereditari rientrano anche le bollette per le utenze non pagate e quindi, i coeredi devono pagare, in proporzione alla loro quote ereditarie, i debiti del defunto.

L’unico modo per non ereditare i debiti del defunto è quello di rinunciare all’eredità o in alternativa, l’erede, che non conosca bene il quadro dei debiti e del patrimonio del defunto, potrebbe optare per l’accettazione con beneficio di inventario: tutti i creditori non potranno pignorare il patrimonio personale dell’erede, ma solo i beni ottenuti con la successione.

Comunque, a parte questi aspetti generali, io come prima cosa, chiederei spiegazioni sulla mancata emissione delle fatture, perché sembrerebbe ci sia stato un blocco di fatturazione da parte del fornitore.

Se così fosse, se non è imputabile all’intestatario dell’utenza alcuna responsabilità, e considerando che è stato fatto qualche reclamo per tale mancata emissione, potrebbero essere richiesti solo i consumi degli ultimi due anni, viste le nuove regole in tema di prescrizione sancite dall’Arera.

È anche previsto un indennizzo per la mancata emissione delle fatture di periodo ma trattasi di importi comunque contenuti, che possono arrivare fino ad un massimo di 60 euro.

Inoltre, su quello che sarà l’importo finale da corrispondere, si potrà sempre chiedere una rateizzazione, anzi è previsto un obbligo in tal senso per il fornitore considerando la responsabilità dello stesso nel mancato rispetto della periodicità di fatturazione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.