Annapaola Ferri

L’articolo 2955 del codice civile stabilisce, fra l’altro, che si prescrive in un anno il diritto degli insegnanti, per la retribuzione delle lezioni che si impartiscono a mesi o a giorni o a ore: dunque, nulla di inventato, se non l’assimilazione forzata, sulla quale dissentiamo completamente, del canone per l’accesso alla palestra e per l’utilizzo di macchinari, attrezzature e servizi ivi disponibili, al corrispettivo per l’insegnante che impartisce lezioni a mesi o a giorni o a ore.

Il diritto del gestore di esigere i canoni non versati da chi ha frequentato la palestra utilizzandone attrezzature e servizi si prescrive, a nostro parere, in un quinquennio.

Pertanto, comunicazione di diffida ad adempiere e messa in mora perfettamente valida se notificata al debitore inadempiente prima dello scadere del quinquennio rispetto alla data in cui ciascun canone avrebbe dovuto essere versato.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.