Ornella De Bellis

La cancellazione dei dati del debitore inadempiente segnalato nei Sistemi di Informazioni Creditizie privati (CRIF, CTC, Assilea, Experian) interviene, automaticamente, 36 mesi dopo la scadenza dell’ultima rata del piano di ammortamento previsto dal contratto originario oppure dopo tre anni a partire dalla data di regolarizzazione dell’esposizione debitoria, con annotazione dell’intervenuto ravvedimento del debitore inadempiente.

Diverso il discorso per quanto attiene, invece, l’eventuale segnalazione fatta alla Centrale Rischi pubblica denominata CR e gestita dalla Banca D’Italia: in questo caso, la cancellazione della posizione debitoria censita a sofferenza viene cancellata solo dopo che siano trascorsi tre anni dall’appostazione a perdita nel bilancio del creditore o dall’intervenuta cessione del credito a terzi.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.