Paolo Rastelli

La questione è assai semplice: un volta effettuata l’adesione alla rottamazione bis, in caso di mancato pagamento delle rate nei tempi previsti dal piano di rateazione, il debito viene ripristinato all’origine, comprensivo delle sanzioni: quanto pagato con le prime 4 rate verrà defalcato dall’importo dovuto al momento del saldo dell’intera posizione debitoria.

Al momento, pertanto, la sua esposizione debitoria nei confronti di Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) supera i 5 mila euro, secondo quanto da lei riportato.

Ne consegue che se chiederà la Naspi anticipata, l’INPS ne sospenderà l’erogazione ed attiverà l’ADER ex articolo 48 bis del dpr 602/1973; l’ADER le pignorerà l’indennità di disoccupazione anticipata e, in pratica, dall’importo NASpI spettante le verrà sottratto l’intero debito risultante dalle cartelle esattoriali rimaste a carico, al netto delle anticipazioni corrisposte con il pagamento delle prime quattro rate della rottamazione bis.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.