Ornella De Bellis

La prescrizione per gli eredi del pensionato deceduto, afferente i ratei di pensione indebitamente percepiti in vita è decennale e decorre dalla data in cui l’eredità del pensionato è stata formalmente accettata dopo la dichiarazione di successione (anche con beneficio di inventario), o dalla data in cui l’eredità è stata accettata tacitamente, per fatti concludenti.

Tuttavia si ricorda che se l’erede non ha accettato esplicitamente l’eredità e se non è entrato in possesso di beni appartenenti al defunto (accettazione tacita), può rinunciare formalmente all’eredità entro dieci anni dalla morte del pensionato: così potrà non rispondere degli indebiti pensionistici a carico del de cuius.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.