Giuseppe Pennuto

Le conviene chiedere all’Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER), nelle more che venga perfezionato l’iter di cancellazione definitiva del provvedimento, l’attestato di sospensione del fermo amministrativo sul veicolo (concesso, ad esempio, quando si rateizza il debito e si paga la prima rata del piano di dilazione), con il quale potrà chiedere direttamente (personalmente) al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) l’annotazione della liberazione, sebbene temporanea, dal vincolo. Si tratta di una procedura che si disbriga in qualche ora.

E’ importante che la sospensione venga almeno annotata, altrimenti in caso di controlli sul territorio, da parte delle forze dell’ordine preposte, oppure dei dispositivi elettronici che rilevano violazioni in tema di omessa assicurazione RCA o presenza di fermo amministrativo iscritto sul veicolo, sarebbe costretto a fare il giro delle sette chiese per evitare una ingiusta sanzione amministrativa.

Naturalmente quanto sopra vale se il venditore non aveva altre posizioni in sospeso con l’ADER oltre al debito di 160 euro.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.