Annapaola Ferri

La presentazione della domanda di rinuncia agli studi comporta l’obbligo di pagamento delle rate contributive già scadute relative all’anno accademico in corso (se effettuata dopo il 15 novembre dell’anno precedente). E’ inoltre richiesto il saldo delle rate a debito, inclusi i contributi aggiuntivi dei pagamenti oltre i termini, relativi agli anni accademici precedenti.

Naturalmente, con la rinuncia agli studi si decade da tutti i benefici riguardanti tasse e contributi (borsa di studio Er-Go, rateizzazione, eccetera). Tuttavia, l’accoglimento della domanda di rinuncia non comporta la restituzione dei benefici eventualmente fruiti negli anni precedenti.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.