Paolo Rastelli

Qualora, e glielo auguro, riuscisse a trovare un impiego, non sarà necessario trovare alcun accordo con Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER), perché lei avrebbe due opzioni: rateizzare il debito in 72 rate oppure subire il pignoramento dello stipendio.

Per quanto attiene il pignoramento della busta paga, l’articolo 72 ter del DPR (Decreto del Presidente della Repubblica) 602/1973 dispone, al comma 1, che le somme dovute a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego possono essere pignorate dall’agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi stipendiali fino a 2.500 euro e in misura pari ad un settimo per importi stipendiali superiori a 2.500 euro e non superiori a 5.000 euro. Per importi superiori a cinquemila euro, la trattenuta sarà pari al 20% (un quinto).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.