Paolo Rastelli

Per inciso, può agire giudizialmente per invocare l’intervenuta prescrizione delle cartelle esattoriali anche impugnando l’estratto di ruolo, cioè l’elenco delle cartelle esattoriali a suo nome visualizzabile sul sito di Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER). Sempre, naturalmente, se è sicuro che nel tempo non siano state perfezionate le notifiche, anche per compiuta giacenza, di atti interruttivi dei termini di prescrizione. Certezza che si acquisisce solo con accesso agli atti presso una qualunque sede territoriale di ADER.

Premesso che la banca può unilateralmente rifiutare l’erogazione del credito in base ad una propria personale valutazione del credit score (merito creditizio) del richiedente, si può aggiungere che, anche in presenza di un debito esattoriale rilevante del mutuatario, non dovrebbero sussistere problemi particolari per la concessione del mutuo – qualora, naturalmente, siano rispettati gli altri requisiti richiesti – in ragione della circostanza che la casa in cui il mutuatario risiede non può essere espropriata dal creditore esattoriale e che, comunque, la banca erogatrice del prestito è tutelata dal vincolo ipotecario di primo grado iscritto sul bene acquistato (per cui l’ipoteca esattoriale di grado successivo non potrebbe danneggiare la banca in una eventuale azione esecutiva di espropriazione immobiliare, dalla banca stessa promossa.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Privacy

Home

Cerca per tag

Altre Info

Cerca