Invalido pensionato che non riesce più a pagare le rate di un prestito

Pensione d'invalidità con cui non riesco più a pagare un debito contratto venti anni fa

Sono un pensionato (percepisco 500 euro mensili circa) e sono stato da poco dichiarato invalido al 100% ma senza pensione d'invalidità perchè ho 71 anni.

Circa 18 anni fa, quando lavoravo, ho fatto un prestito di 20.000 euro e adesso bastano 2 anni per estinguerlo. Purtroppo le mie condizioni finanziarie non mi permettono di pagare. C'è qualche motivo per essere esentato dal pagare le rate residue?

Pensione e minimo vitale impignorabile - Se smette di pagare la finanziaria non succede niente

Di motivi ce ne sono a milioni e gliene indico solo uno, altrimenti faremmo notte: sulla sua pensione lei paga le tasse, tasse che vanno a coprire lo stipendio di consigliere regionali che svolgono la professione di "ruffiane part time" o i rimborsi per viaggi di piacere e nottate in discoteca di figli degeneri più vicini alla specie dei "cefaloidi" che a quella umana.

Non sarebbe male compensare queste tasse inutili con un default personale.

Se smette di pagare e se non ha immobili di proprietà, neanche la pensione potranno pignorarle perché è già al livello di minimo vitale.

9 ottobre 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su invalido pensionato che non riesce più a pagare le rate di un prestito. Clicca qui.

Stai leggendo Invalido pensionato che non riesce più a pagare le rate di un prestito Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 9 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca