IRPEF - Dedurre i contributi per la previdenza complementare

I contributi versati alle forme di previdenza complementare collettive (fondi chiusi e fondi aperti) e di previdenza individuale, comprese quelle istituite negli stati membri dell'Unione europea e negli stati aderenti all'Accordo sullo spazio economico europeo, sono deducibili dal reddito complessivo dichiarato ai fini Irpef per un importo non superiore a 5.164,57 euro.

La deduzione compete, sempre nel limite dei 5.164,57 euro, anche in caso di versamento di contributi a favore delle persone fiscalmente a carico (ad esempio, il coniuge), se il reddito complessivo di queste ultime non è capiente al punto di consentire in tutto o in parte la deduzione dei contributi.

Il predetto limite di deducibilità non si applica ai soggetti iscritti alle forme pensionistiche per le quali è stato accertato lo squilibrio finanziario e approvato il piano di riequilibrio da parte del Ministero del lavoro e delle Politiche sociali. Questi contribuenti possono quindi dedurre senza limiti i contributi versati nell'anno d'imposta.

Una maggiore deduzione è stata prevista in favore dei lavoratori con prima occupazione successiva al 1º gennaio 2007, cioè per quei lavoratori che alla data, non erano titolari di una posizione contributiva aperta presso un qualsiasi ente di previdenza obbligatoria.

Se nei primi 5 anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari, questi lavoratori hanno effettuato versamenti di importo inferiore al limite predetto, possono godere di un maggior limite di deducibilità, a partire dal sesto anno di partecipazione alle forme pensionistiche e per i 20 anni successivi, nella misura annuale di 5.164,57 euro incrementata di un importo pari alla differenza positiva tra euro 25.822,85 e i contributi effettivamente versati nei primi 5 anni e, comunque, incrementata di un importo non superiore ad euro 2.582,29. In sostanza, l'importo massimo annuale complessivamente deducibile sale a 7.746,86 euro.

Pertanto, dall'anno 2012, per i lavoratori iscritti dal 2007 alle forme pensionistiche obbligatorie, è possibile usufruire per la prima volta di tale incentivo.

23 aprile 2014 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

IRPEF - dedurre i contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori per legge è ammessa la deducibilità senza limiti di importo. È consentita la piena deducibilità anche dei contributi versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza. Si tratta dei contributi versati per il riscatto degli anni di laurea, quelli versati per ...
Dichiarazione dei redditi - Le deduzioni più comuni
Dichiarazione dei redditi e deduzioni - aspetti generali La deduzione, in molti casi, non può essere calcolata sull'intera spesa sostenuta ma su di un ammontare massimo fissato dalla legge, come ad esempio, per i contributi versati alle forme pensionistiche complementari. La deduzione nella maggior parte dei casi può essere fruita ...
Irpef - dedurre le spese sanitarie per disabili
Le spese mediche generiche (ad esempio, prestazioni rese da un medico generico, acquisto di medicinali) e quelle di assistenza specifica sostenute dai disabili sono interamente deducibili dal reddito complessivo. Costituiscono spese di assistenza specifica quelle rese da personale paramedico in possesso di una qualifica professionale specialistica (ad esempio, infermieri professionali ...
La prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori
Le contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria si prescrivono in dieci anni per quelle di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti e delle altre gestioni pensionistiche obbligatorie – termine ridotto a cinque anni con decorrenza 1 gennaio 1996 – e in cinque anni per tutte le altre contribuzioni ...
Sblocca Italia - Deduzione dal reddito del 20% del prezzo di acquisto di immobile destinato a locazione
Per immobili acquistati dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2017, destinati alla successiva locazione, è prevista una deduzione (leggasi deduzione e non detrazione) dal reddito IRPEF pari al 20% del prezzo di acquisto dell'immobile, risultante dall'atto di compravendita e nel limite massimo complessivo di spesa di 300 mila euro. ...

Spunti di discussione dal forum

INPS: Avviso bonario versamenti contributi anno 2009 – C’è prescrizione?
Il 30 Giugno 2015 mi è arrivato un avviso bonario da parte dell'INPS che mi invita a pagare dei contributi non versati per l'esercizio da lavoro autonomo che ho avuto nell'anno 2009 (ero dipendente con partita iva). Preciso che da verifiche che ho fatto che effettivamente quell'anno la commercialista non…
Avviso di addebito inps per contributi non versati da socio di srl che lavora per l’azienda
Oggi mi è arrivata con raccomandata un avviso di addebito da parte dell'INPS e di Equitalia come agente della riscossione, per contributi non versati a me stesso dal 01/2015 al 12/2015 per un importo di 1925,63 euro. La mia società srl di cui io faccio parte al 35% gestisce un…
Contributi INPS – Imprenditore o procacciatore d’affari?
Ho aperto partita Iva in regime di vantaggio per l'imprenditoria giovanile ex articolo 27 commi 1 e 2 legge 98/2011 a gennaio 2013, e mi sono iscritta alla Camera di Commercio sezione speciale Impresa Individuale a gennaio 2013 con inizio attività 28/01/2013 ed iscritta ad INPS Gestione Commercianti sede MILANO…
Richiesta di versare i contributi previdenziali per l’anno 2011 – Può essere prescritta?
Il giorno 24/08/3017, mi è arrivata una notifica dall'inps dove mi si chiedeva di pagare i contributi relativi all'anno 2011 poiché non versati. Allora ero in regime dei minimi ed in pensione. Posso considerare la prescrizione per questa richiesta oppure no?
Sequestro del quinto per arretrati ricevuti da INPS per errore nella pensione – E’ giusta l’entità della ritenuta?
L'INPS ha sbagliato a fare i conteggi sulla pensione: me ne sono accorto dopo 4 anni e mezzo e la mia pensione è passata da circa 550 euro mese a mille e 25 euro. Non avevano conteggiato contributi versati prima del 1974. Mi hanno riconosciuto il credito e mi hanno…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su irpef - dedurre i contributi per la previdenza complementare. Clicca qui.

Stai leggendo IRPEF - Dedurre i contributi per la previdenza complementare Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 23 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?