Il valore dell'ipoteca è di solito fissato ad una soglia superiore al valore commerciale del bene ipotecato

L'ipoteca è fra le garanzie, una delle più solide. Segue a ruota solo la libbra di carne che pretendeva Shylock nel "Mercante di Venezia".

Il valore dell'ipoteca è di solito fissato ad una soglia superiore al valore commerciale del bene ipotecato. Questo perché, sia chiaro, il bene ipotecato può subire deprezzamenti (andamento del mercato immobiliare, danneggiamenti non coperti da assicurazione e via di seguito ...). Ed il debito, in presenza di interessi a tasso variabile, può invece crescere.

Una eventuale credito residuo che ecceda il ricavato conseguito attraverso la vendita coattiva del bene viene tutelato, rispetto a creditori concorrenti, dalla capienza del valore dell'ipoteca.

8 novembre 2012 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca