Busta arancione pensione Inps: Tutto ciò cui devi essere a conoscenza

Pensione » Vi presentiamo la famosa busta arancione dell'Inps: ecco cosa vi dice (e non)

Nei giorni scorsi, almeno centocinquantamila contribuenti hanno ricevuto, tramite posta, una busta arancione: la stessa è stata spedita dal'Inps per informare, in maniera generale, i lavoratori sulla loro pensione futura.

Ma dunque, cosa c'è dentro la famosa busta arancione dell'INPS?

Si tratta di tre pagine e sono indicati:

Da notare bene che l'importo della pensione stimato è ottenuto in maniera automatica, senza alcun valore certificativo, perché basato sui contributi finora accreditati e sulla proiezione di quelli che ancora mancano al raggiungimento dei requisiti per il pensionamento.

Dunque il risultato può variare in rapporto all'andamento della futura vita lavorativa.

Inoltre le stime tengono conto di una crescita del Pil dell'Italia dell'1,5% annuo. Quindi negli anni il prodotto interno lordo può variare, così come potrebbe cambiare la legge sulla previdenza sociale.

In sostanza la lettera ha puramente natura informativa e per i giovani precari è un monito a iniziare a verificare gli anni lavorati e quelli conteggiati dall'Inps.

Probabilmente molti avranno un'amara sorpresa dalla busta arancione, in questo caso si potrebbe pensare di sottoscrivere una pensione integrativa privata.

La busta arancione, comunque, è stata recapitata a dipendenti del settore privato, lavoratori autonomi (artigiani, commercianti e imprenditori) e co.co.pro., iscritti alla gestione separata, al fondo ferrovieri e altri fondi speciali.

Va sottolineato che le spedizioni sono dirette solo a chi non possiede il Pin dell'Inps o lo Spid, il sistema pubblico dell'identità digitale.

Infatti la busta arancione è destinata a chi non ha mai consultato il proprio conto contributivo dal sito web dell'Istituto nazionale della previdenza sociale.

Entro la fine dell'anno la lettera sarà inviata a 7 milioni di lavoratori.

L'invio delle buste sarà casuale relativamente all'età e alla professione dei destinatari.

Per quanto riguarda i dipendenti pubblici, invece, nei prossimi mesi le informazioni sulla pensione saranno comunicate tramite il cedolino della busta paga.

La lettera inviata a casa ha diversi limiti, tra questi la simulazione è effettuata solo sulla pensione di vecchiaia, invece online è possibile visualizzare anche quella della pensione anticipata.

Inoltre il prospetto cartaceo dei contributi non considera quelli versati a altri fondi, casse di previdenza o all'estero.

Per simulare la mia propria sul sito dell'Inps, l'Istituto di previdenza sociale ha messo a disposizione questo nuovo servizio che permette di simulare quella che sarà, presumibilmente, la pensione che riceverai al termine della tua attività lavorativa.

Il calcolo dell'assegno pensionistico tiene conto della normativa attualmente in vigore e si basa su tre fondamentali elementi: l'età, la storia lavorativa e la retribuzione/reddito.

Per accedere alla mia pensione è necessario avere o il Pin ordinario dell'Inps o lo Spid: sulla stessa pagina web sono indicate anche le modalità per richiederli.

La mia pensione nuova iniziativa dell'INPS: scopriamo di cosa si tratta

L'inps lancia la nuova iniziativa "la mia pensione": scopriamo, nel dettaglio, di cosa si tratta.

"La mia pensione” è il nuovo servizio di Inps che permette di simulare quella che sarà presumibilmente la pensione che riceverai al termine della tua attività lavorativa.

Il calcolo della pensione tiene conto della normativa attualmente in vigore e si basa su tre fondamentali elementi: l'età, la storia lavorativa e la retribuzione/reddito.

Chi può usufruire del servizio

I lavoratori con contribuzione versata al Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, alle Gestioni Speciali dei Lavoratori Autonomi (Artigiani e Commercianti, Coltivatori diretti, coloni e mezzadri), e alla Gestione separata e gli iscritti alla Gestione Dirigenti di aziende industriali (exINPDAI).

Nel corso del 2016, il servizio sarà disponibile anche per i dipendenti pubblici e per i lavoratori con contribuzione versata agli altri Fondi e Gestioni amministrate dall'Inps.

Come fare

Per accedere è necessario avere il PIN ordinario.

Se non sei in possesso del PIN, lo puoi richiedere anche dalla sezione Il PIN online del sito dell'INPS.

Dal 15 marzo 2016 è possibile accedere al servizio anche con SPID.

18 maggio 2016 · Gennaro Andele


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pensione ordinaria di invalidità e pensione di invalidità civile - Differenze
La pensione ordinaria di inabilità, prevista dell'articolo 2 della legge 222/1984, costituisce una prestazione di natura previdenziale, è collegata alla esistenza di un rapporto previdenziale, presuppone lo svolgimento di una pregressa attività lavorativa, ha come punto di riferimento la capacità lavorativa specifica dell'assicurato, è correlata alla impossibilità dello svolgimento in ...
Anticipare la pensione - APE volontaria e APE sociale » di cosa si tratta
L'Ape volontaria (Anticipo pensionistico volontario), è un prestito agevolato erogato da una banca, commisurato alla pensione di vecchiaia. Si tratta di un nuovo strumento di flessibilità: un reddito ponte che permette ai lavoratori con più di 63 anni di anticipare la disponibilità di una parte della futura pensione, attraverso un ...
Niente pensione di invalidità se il beneficiario, pur possedendone i requisiti, percepisce redditi da lavoro
La situazione di assoluta e permanente impossibilità lavorativa in cui il soggetto versi per infermità e il requisito contributivo costituiscono gli unici requisiti necessari per il riconoscimento del diritto alla pensione di inabilità, ma che il godimento di redditi di lavoro si pone come condizione ostativa per l'erogabilità della prestazione. ...
Pensione per le casalinghe - come ottenerla
Possono iscriversi al fondo di previdenza per le casalinghe, i soggetti di entrambi i sessi e di età compresa fra i 15 e i 65 anni di età se: svolgono lavoro in famiglia non retribuito connesso con responsabilità familiari, senza vincoli di subordinazione; non sono titolari di pensione diretta; non ...
Trattamento di fine rapporto in busta paga ad aprile - il modulo per la domanda al datore di lavoro
Con lo stipendio di aprile 2015 sarà possibile ottenere il pagamento della quota maturanda del trattamento di fine rapporto come parte integrativa della retribuzione. Di questa nuova opportunità potranno beneficiare i lavoratori dipendenti del settore privato che hanno un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso la ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su busta arancione pensione inps: tutto ciò cui devi essere a conoscenza. Clicca qui.

Stai leggendo Busta arancione pensione Inps: Tutto ciò cui devi essere a conoscenza Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 18 maggio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca