Inps: rientro anticipato a lavoro in caso di malattia? » L'istituto chiarisce

L'Inps (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) chiarisce cosa deve fare il dipendente in caso di rientro sul posto di lavoro, dopo la malattia, per guarigione anticipata.

Accade spesso che il dipendente, assente dal lavoro per malattia, qualora guarisca anticipatamente rispetto alla prognosi formulata dal medico curante, voglia far ritorno subito sul posto di lavoro.

Dunque, per tutti quelli che intendono riprendere anticipatamente l'occupazione, l'Inps ha voluto diffondere, con una nota, un chiarimento sulla prassi da seguire.

Il pubblico dipendente, spiega l'INPS, potrà essere riammesso in servizio solo in presenza di un certificato di rettifica dell'originaria prognosi.

La normativa vigente, infatti, prevede che l'assenza per malattia dei dipendenti pubblici sia attestata mediante certificato medico inoltrato per via telematica.

I medici autorizzati effettuano le operazioni di preparazione dei certificati entro le successive 24 ore e li inviano al datore di lavoro tramite il Sistema di Accoglienza Centrale (SAC), reso disponibile dal Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF): durante tutto il periodo di prognosi, inoltre, i medici possono inviare certificati che annullano i precedenti o li rettificano. Questa eventualità si verifica nell'ipotesi in cui i dottori abbiano modo di riscontrare nel paziente un decorso più favorevole della malattia.

Da ciò si evince che, il datore di lavoro, dispone soltanto dell'attestato di malattia, poiché non è legittimato ad esaminare certificati recanti l'indicazione della diagnosi oltre a quella dei giorni di assenza accordati dal medico.

Pertanto, non potendo conoscere l'effettiva gravità della malattia, il datore non è in grado di valutare se e in che misura il dipendente abbia effettivamente recuperato le proprie energie psicofisiche opportune a garantire a se stesso e all'ambiente di lavoro l'incolumità.

Ne deriverebbe, al contrario, l'impossibilità di fatto per il datore di lavoro di assolvere agli obblighi imposti dalle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Proprio per questi motivi, ogni dipendente assente per malattia che, considerandosi guarito, intenda riprendere anticipatamente il lavoro rispetto alla prognosi formulata dal proprio medico curante, potrà essere riammesso in servizio solo in presenza di un certificato medico di rettifica dell'originaria prognosi.

17 settembre 2014 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pubblico impiego - In caso di assenza per malattia non è sufficiente l'eventuale referto medico della visita di controllo fiscale per evitare il licenziamento senza preavviso
La normativa vigente (articolo 55-septies del decreto legislativo 165/2001) dispone che, nell'ipotesi di assenza per malattia protratta per un periodo superiore a dieci giorni, e, in ogni caso, dopo il secondo evento di malattia nell'anno solare, l'assenza del dipendente pubblico dal posto di lavoro venga giustificata esclusivamente mediante certificazione medica ...
Attività lavorativa in malattia e licenziamento per giusta causa
Lo svolgimento di attività lavorativa nel periodo di malattia giustifica il licenziamento se fa presumere l'inesistenza della malattia stessa o se pregiudica o ritarda la guarigione La giurisprudenza ritiene che il lavoratore in malattia non ha l'obbligo assoluto di astenersi da qualsivoglia attività lavorativa. Egli può svolgere attività lavorativa nel ...
Legittimo il licenziamento per giusta causa del lavoratore che nel periodo di assenza per malattia pratica la pesca subacquea
Il licenziamento può ritenersi giustificato quando un'attività svolta dal lavoratore nel periodo di assenza per malattia possa pregiudicare o ritardare la guarigione o il rientro in servizio, con violazione dei doveri generali di correttezza e buona fede e degli specifici obblighi contrattuali di diligenza e fedeltà. Nè può essere invocata ...
Licenziamento per scarso rendimento - ingiustificato se motivato da prolungate assenze per malattia
Secondo la legge, il lavoratore può essere esonerato dal servizio per scarso rendimento o per palese insufficienza imputabile a colpa nell'adempimento delle funzioni a lui assegnate. L'ipotesi dello scarso rendimento, in ogni caso, è diversa e separata da quella delle ripetute assenze per malattia, che possono, se del caso, essere ...
Cinture di sicurezza » Commette un reato chi utilizza falsi certificati medici al fine di ottenerne l'esonero
Commette un reato chi utilizza falsi certificati medici al fine di ottenere l'esonero dall'utilizzo delle cinture di sicurezza ed evitare, così, le multe. Commette il delitto di uso di atto falso chi per ottenere l'annullamento della sanzione amministrativa, per guida senza cinture di sicurezza, utilizza un certificato apparentemente rilasciato da ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su inps: rientro anticipato a lavoro in caso di malattia? » l'istituto chiarisce. Clicca qui.

Stai leggendo Inps: rientro anticipato a lavoro in caso di malattia? » L'istituto chiarisce Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 17 settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca