Il prestito garantito dallo stato per gli studenti meritevoli

La possibilità di accedere al credito bancario per poter finanziarie quei percorsi formativi senza i quali è precluso l'ingresso nel mondo del lavoro, è, per la maggior parte dei giovani, un fattore cruciale. Non tutti, infatti, possono disporre del sostegno economico offerto dalla propria famiglia.

D'altra parte, oggi come ieri, svolgere una propria attività professionale o lavorativa è condizione necessaria per raggiungere l'indipendenza economica e l'integrazione nella società. Possiamo ben dire, allora, che, per i giovani, l'inclusione finanziaria è propedeutica all'inclusione sociale.

In questa ottica, il Ministero della Gioventù e l'ABI, hanno sottoscritto una convenzione finalizzata a favorire l'accesso al credito, sotto forma di prestito erogato dalle banche ma garantito dallo Stato, per poter rendere sostenibili i costi connessi alla frequenza di corsi universitari, di specializzazione post laurea o di approfondimento della conoscenza di una lingua straniera.

In particolare l'iniziativa è rivolta a quei giovani meritevoli, ma privi dei mezzi finanziari sufficienti per poter intraprendere o completare, in autonomia, un percorso di studi o la propria formazione universitaria.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il prestito garantito dallo stato per gli studenti meritevoli. Clicca qui.

Stai leggendo Il prestito garantito dallo stato per gli studenti meritevoli Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 12 dicembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria guida ai prestiti famiglie in difficoltà studenti disoccupati precari Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca