Trattenuta pensione per prestito su cessione del quinto sottoscritta durante l'attività di lavoro dipendente

Nel 2018 sono andata in pensione per inabilità causa malattia oncologica: quando ancora stavo bene e lavoravo avevo stipulato cessione del Quinto e Delega sullo stipendio, ero Infermiera. Ora ho pensione netta di E.693,00 detratti circa 110,00 euro per cessione del Quinto.

La Delega invece credo sia sospesa fin quando non scade quella del Quinto (fra circa 4 anni) per quella regola che riguarda il massimo trattenibile sulla pensione, credo.

Volevo domandarvi se questa trattenuta di euro 110 sia giusta in base alla mia pensione, e se sia regolare applicare sempre la medesima per quanto percepisco di pensione.

Sarebbe mia intenzione rinnovarla perché c'é bisogno in famiglia, ed ho provato all'INPS di rinnovarla, ma dicono che non è possibile prima della scadenza, neppure con qualche altra finanziaria perché'purtroppo quando si va in pensione per tumori, si diventa come i Lebbrosi. Gente da evitare.

La trattenuta mensile finalizzata a servire il rimborso della cessione del quinto, rimborso anche non coperto nel corso dell'attività lavorativa e non soddisfatto con il prelievo dal Trattamento di Fine Rapporto, è pari ad un quinto della pensione, calcolata al netto delle ritenute fiscali: l'importo mensile essere tale che se sottratto al valore della pensione al netto delle ritenute fiscali garantisca la salvaguardia del trattamento minimo pensioni lavoratori dipendenti e autonomi (502 euro).

Quindi l'importo prelevato di 110 euro è legittimo e conforme alla normativa vigente. Per quel che attiene il prestito delega, invece, il creditore che lo ha erogato non può chiedere la trattenuta all'INPS come accade con la cessione del quinto (anche dopo l'estinzione di quanto dovuto): probabilmente verrà contattata per una soluzione stragiudiziale,direttamente dalla finanziaria originaria o da una società cessionaria e, qualora non raggiungesse un accoro, può avere un certo margine di tranquillità dal momento che la sua pensione, tenuto conto del minimo vitale impignorabile, non può praticamente essere intaccata da un'azione esecutiva promossa dal creditore.

E' infine evidente che il rinnovo della cessione del quinto non può essere concesso se non dopo l'estinzione del precedente prestito: e questa norma di legge vale per tutti, anche per i pensionati che, fortunatamente, godono di ottima salute.

12 aprile 2019 · Ornella De Bellis

Altre discussioni simili nel forum

cessione del quinto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca