Premio di 100 euro ai dipendenti che hanno svolto prestazioni di lavoro nel mese di marzo 2020 in piena pandemia da Coronavirus

Ho un contratto fino a fine giugno di 2 ore settimanali: ieri mi è arrivata la busta paga ma ho preso molti più soldi del previsto, nella dicitura TIS semplificata corrispondono 238 euro, come è possibile se a marzo ho lavorato solo due ore? Oggi da parte dell’agenzia del lavoro mi è arrivato l’invito a compilare la richiesta dei 100 euro COVID 19 per chi ha lavorato a marzo sul posto di lavoro, sostenendo che loro l’hanno anticipata e che se non spetta verrà detratta nelle prossime buste paga. Possono farlo? Io non avevo richiesto nessun bonus.

TIS sta per Trattamento Integrativo Salariale: il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) 14/2020 consente al datore di lavoro di presentare all’apposito Fondo, con procedura semplificata, le istanze per il Trattamento di Integrazione Salariale (TIS) dei propri dipendenti lasciati a casa in conseguenza dalla situazione di emergenza sanitaria dovuta all’epidemia da Coronavirus.

L’articolo 63 (Premio ai lavoratori dipendenti) del successivo decreto legge 18/2020 dispone che ai titolari di redditi di lavoro che hanno percepito un reddito complessivo nell’anno precedente di importo non superiore a 40 mila euro, spetta un premio, per il mese di marzo 2020, che non concorre alla formazione del reddito, pari a 100 euro da rapportare al numero di giorni di lavoro svolti nella propria sede di lavoro nel predetto mese.

I datori di lavoro devono riconoscere, in via automatica, l’incentivo TIS pari a cento euro a partire dalla retribuzione corrisposta nel mese di aprile.

Ecco il motivo per cui le sono stati corrisposti i 100 euro in più: il datore di lavoro ha accreditato il premio a tutti i propri dipendenti non verificando, nello specifico, i requisiti di legge che devono essere rispettati per fruire del beneficio. Dalle buste paga dei prossimi mesi, a seguito di un controllo più capillare delle domande presentate (numero di giornate lavorative e reddito percepito nel 2019) verra detratto quanto eventualmente erogato in eccedenza.

Ad ogni modo le conviene sottoscrivere la domanda: lei ha comunque diritto almeno ad 1/20 di 100 euro, cioè 5 euro.

16 Aprile 2020 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Emergenza Coronavirus - Indennità di 600 euro per il mese di marzo 2020 agli operai agricoli a tempo determinato
Agli operai agricoli a tempo determinato, non titolari di pensione, che nel 2019 abbiano effettuato almeno 50 giornate effettive di attività di lavoro agricolo, è riconosciuta un'indennità per il mese di marzo pari a 600 euro. Tale indennità non concorre alla formazione del reddito IRPEF e sarà . erogata dall'INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 330 milioni di euro per l'anno 2020. L'INPS provvede al monitoraggio del rispetto del limite di spesa e comunica i risultati di tale attività al Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Qualora dal predetto monitoraggio emerga il verificarsi di scostamenti rispetto ...

Emergenza Coronavirus - Indennità di 600 euro per il mese di marzo 2020 ai lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali
Ai lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il primo gennaio 2019 e la data di entrata in vigore della presente disposizione, non titolari di pensione e non titolari di rapporto di lavoro dipendente alla data di entrata in vigore della presente disposizione, è riconosciuta un'indennità per il mese di marzo pari a 600 euro. L'indennità di cui al presente articolo non concorre alla formazione del reddito IRPEF ed è erogata dall'INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 86,5 milioni di euro per ...

Emergenza Coronavirus - Indennità di 600 euro per il mese di marzo 2020 ad artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri
Sono iscritti alle Gestioni Speciali dell'Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO) i lavoratori autonomi quali gli artigiani, i commercianti, i coltivatori diretti, i coloni e i mezzadri: sono esclusi, in quanto iscritti alla Gestione Separata AGO i liberi professionisti, i lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa (cococo), i venditori a domicilio, i prestatori di lavoro occasionale accessorio eccetera. Ebbene, ai lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell'Ago, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, è riconosciuta un'indennità per il mese di marzo pari a 600 euro. Tale indennità non concorre alla formazione del reddito ed ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Premio di 100 euro ai dipendenti che hanno svolto prestazioni di lavoro nel mese di marzo 2020 in piena pandemia da Coronavirus