Opposizione a cartella di pagamento per la riscossione di una sanzione amministrativa per violazione del codice della strada ormai prescritta

Ho ricevuto notifica di una cartella di pagamento riferita ad un verbale di multa notificato più di cinque anni.

E’ normale che mi si richieda il pagamento coattivo di una sanzione amministrativa riferita ad una violazione del codice della strada risalente a più di un quinquennio?

Come posso difendermi?

Il diritto a riscuotere le somme dovute per le sanzioni amministrative si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui e’ stata commessa la violazione (articolo 28 legge 689/1981).

Dovrà procedere con opposizione all’esecuzione, ex articolo 615 del codice di procedura civile: incombe, infatti, sull’Amministrazione opposta l’onere di provare che il diritto alla riscossione di quanto intimato con la cartella di pagamento non si era ancora prescritto.

Sul tema le Sezioni Unite, con la sentenza 22080/2017, hanno infatti chiarito che l’opposizione alla cartella di pagamento, emessa ai fini della riscossione di una sanzione per violazione del codice della strada, deve essere proposta ai sensi dell’articolo 7 del decreto legislativo 150/2011, laddove la parte deduca che essa costituisce il primo atto con cui è venuta a conoscenza della sanzione stessa per nullità od omissione della notifica del verbale di accertamento della violazione. Il termine in questo caso è di 30 giorni dalla notifica dell’atto di riscossione.

D’altro canto, in caso di opposizione, continua la sentenza, alla cartella di pagamento per l’asserita estinzione della pretesa creditoria dell’Amministrazione irrogante, deve essere qualificata come opposizione all’esecuzione ex articolo 615 del codice di procedura civile, e non come opposizione a sanzione amministrativa, trattandosi di una contestazione relativa a fatti successivi rispetto alla formazione del titolo esecutivo.

23 Novembre 2019 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Opposizione alla cartella esattoriale originata dall'omesso pagamento di una sanzione amministrativa quando il verbale di accertamento dell'infrazione al Codice della strada non è stato mai notificato
In tema di opposizione agli atti - cartella esattoriale o ingiunzione fiscale - finalizzati alla riscossione di una sanzione amministrativa pecuniaria, irrogata per violazione del codice della strada, ove la parte deduca che essa costituisce il primo atto con il quale sia venuta a conoscenza della sanzione stessa in ragione della nullità o dell'omissione della notifica del processo verbale di accertamento della violazione, è esclusa la possibilità di esperire l'opposizione all'esecuzione ex articolo 615 codice di procedura civile. L'opposizione deve essere proposta ai sensi dell'articolo 7 del decreto legislativo 150/2011, a norma del quale, le controversie in materia di opposizione ...

Decadenza e prescrizione per la notifica di una cartella esattoriale originata dal mancato pagamento del verbale di accertamento della violazione al Codice della strada
Il termine entro il quale la Polizia Urbana deve iscrivere a ruolo una contravvenzione al Codice della strada (del 2014) notificata nei termini, è di 5 anni? Sapendo che il termine di prescrizione delle multe appunto è quinquennale, il dubbio è sul termine entro il quale va fatta la iscrizione a ruolo della contravvenzione da parte del Comando dei vigili (iscrizione effettuata nel 2017). Dalla consegna poi del ruolo ad una società di gestione entrate e tributi (Soget spa) entro 2 anni va emessa la cartella esattoriale, altrimenti il credito diventa inesigibile, se non erro. ...

Pagamento parziale o in ritardo di una sanzione amministrativa per violazione del codice della strada
L'articolo 206 del Codice della strada prevede che il pagamento effettuato in misura inferiore rispetto a quanto previsto non ha valore quale pagamento ai fini dell'estinzione dell'obbligazione. La somma versata è tenuta in acconto per la completa estinzione dell'obbligazione conseguente al verbale divenuto titolo esecutivo, e la somma da iscrivere a ruolo (da affidare alla riscossione coattiva del concessionario) è pari alla differenza tra quella dovuta e l'acconto fornito. L'eventuale pagamento, oltre sessanta giorni dalla contestazione o notifica del verbale, ma prima della formazione del ruolo (prima dell'avvio della riscossione coattiva), è pari alla somma dovuta oltre alle spese del ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Opposizione a cartella di pagamento per la riscossione di una sanzione amministrativa per violazione del codice della strada ormai prescritta