Situazione un po’ contorta. Potete aiutarmi?

La situazione di mia madre, cerco di riassumerla in breve: mio padre non passa gli alimenti ormai da 6 mesi e lei non ha un reddito proprio. C’è una sentenza di separazione che ovviamente quantifica i soldi che lui dovrebbe pagare mensilmente e in più a carico di lui c’è anche il pagamento delle tasse (anche questo mai corrisposto e son passati 2 anni).

Lei è terrorizzata che le portino via la casa . Mia madre ha fatto denuncia ai carabinieri ma la cosa sembra andare per le lunghe. Dato che c’è una sentenza mia madre potrebbe fare un precetto per tentare di recuperare i soldi? Se sì deve fare causa e quindi sborsare ancora denaro oppure no? ( Lui ha la pensione lo stipendio la casa e 2 auto).

Con una sentenza di separazione già esistente e la violazione degli obblighi in essa previsti, i tempi per decreto ingiuntivo e precetto non sono lunghi ed i costi per l’assistenza legale senz’altro contenuti.

A parte le due auto, la legge consentirebbe il pignoramento di un terzo della pensione per crediti alimentari e l’iscrizione di ipoteca sull’immobile di proprietà di suo padre, non escludendo la successiva espropriazione in caso di reiterata omissione nel versamento degli alimenti.

Il suggerimento è quello di contattare un legale e proporgli un patto di quota lite, ovvero una percentuale sugli importi che egli riuscirà a recuperare attraverso azioni esecutive promosse nei confronti di suo padre.

11 Giugno 2012 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Situazione un po' contorta. Potete aiutarmi?
Con una sentenza di separazione già esistente e la violazione degli obblighi in essa previsti, i tempi per decreto ingiuntivo e precetto non sono lunghi ed i costi per l'assistenza legale senz'altro contenuti. A parte le due auto, la legge consentirebbe il pignoramento di un terzo della pensione per crediti alimentari e l'iscrizione di ipoteca sull'immobile di proprietà di suo padre, non escludendo la successiva espropriazione in caso di reiterata omissione nel versamento degli alimenti. Il suggerimento è quello di contattare un legale e proporgli un patto di quota lite, ovvero una percentuale sugli importi che egli riuscirà a recuperare ...

Successione e rinuncia all'eredità - Conviene farla nella mia situazione?
Inail reclama la restituzione di una somma corrisposta per la morte di mio padre defunto: mia madre è in vita ed era in regime di comunione dei beni con casa di proprietà, cosa rischia lei? Io figlio, con casa di mia proprietà, cosa rischio? Potrebbe essere conveniente fare rinuncia eredità? Oppure farla dopo la morte di mia madre e nel frattempo mia madre potrebbe fare una donazione della casa a me? ...

Ricatto del figlio » Vuole soldi per alienare una casa di sua proprietà e consegnare il ricavato della vendita ai genitori
Nel 2013, io e mio marito, per problemi con banche abbiamo intestato nostra casa bifamiliare ai due figli (un appartamento ciascuno): ora abbiamo deciso di vendere casa (vendono i figli per noi), in quanto oberati dai debiti (col ricavato compreremmo un ppartamento). SOLO il figlio maggiore ci ricatta, e tramite avvocato ci fa sapere che viene a firmare purchè gli sia accordato un importo do 270 mila euro (a voce avvocato). Se diamo soldi ad uno poi l'altro li chiederà anche lui , prima o poi RITENETE CHE SIA UN REATO? (alla luce sentenza 44098/2016 cassazione), e comunque cosa ne ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Situazione un po’ contorta. Potete aiutarmi?