Lavoro in nero e separazione – Sussiste obbligo al mantenimento?

Sono una donna di 38 anni, sposata da 5 e con un figlio di quattro anni: ho deciso di separarmi da mio marito dopo parecchi mesi di grave crisi matrimoniale.

Io al momento non lavoro, mentre mio marito fa il manovale presso una ditta, da prima di sposarci, ma ha sempre lavorato in nero.

Ora vorrei sapere, dato che allo stato risulta disoccupato, dopo una separazione, sarà obbligato da un giudice a corrispondere un minimo di mantenimento?

Lui mi minaccia dicendo che se provvedo alla separazione non vedremo nulla.

Come funziona in questi casi?

In teoria, quando sussiste una causa per la separazione, il tribunale accerta le capacità economiche dei due coniugi, al fine di stabilire chi dei due ha il reddito più alto e così quantificare l’assegno di mantenimento.

Per far ciò, si parte, naturalmente, dalla dichiarazione dei redditi.

Se ad esempio, come nel suo caso, un coniuge risulta disoccupato dinanzi lo Stato, è difficile stabilire il reddito e conseguentemente proporzionare qualsiasi sorta di mantenimento.

Ma non è sempre così.

Infatti, recentemente, la Corte di Cassazione, con la sentenza 769/18, ha stabilito che in caso di separazione e di condanna al marito al versamento del mantenimento dei figli, a nulla serve eccepire di non avere un lavoro e di essere alla ricerca di un’attività.

A parere dei giudici, infatti, nella sentenza in esame, e’ poco credibile che un soggetto giovane e in salute e che sappia fare un mestiere non guadagni nulla: in tali casi è evidente che il soggetto svolga il mestiere a nero senza dichiarare nulla al Fisco.

16 Gennaio 2018 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione ed assegno di mantenimento - E' possibile che ad essere obbligata al versamento sia la moglie separata?
Dopo dieci controversi anni il mio matrimonio sta volgendo al capolinea: la situazione è ormai divenuta insostenibile e stiamo optando per la separazione. Mia moglie, già ricca di famiglia, lavora da 15 anni presso uno studio notarile con ottimi redditi propri. Io, invece, ho perso la mio occupazione di una vita cinque anni fa (la fabbrica dove lavoravo è fallita) e mi sono mantenuto con lavori saltuari ma comunque precari fin ad oggi visto che, al momento, sono disoccupato. Non abbiamo mai avuto figli per scelta personale. Ora vorrei sapere, se, in merito ad una possibile separazione, sarei comunque io, ...

Separazione e mantenimento - Se la mia ex non vuole lavorare l'obbligo cessa?
Sono separato da un anno, dopo circa cinque anni di matrimonio impossibile: a mia moglie, disoccupata, corrispondo circa 1000 euro di assegno di mantenimento. La cosa che mi fa più arrabbiare è che io sono in affitto e, con quanto gli corrispondo, arrivo a malapena a fine mese, vivendo di stenti. Lei invece, vive nella ex casa familiare, assegnata dal giudice, e non ha alcuna intenzione di andare a lavorare, vivendo col mio assegno. Anzi, mi ha pure detto palesemente di aver rifiutato tre o quattro proposte di lavoro. E' assurdo. Posso far in modo, che data la sua assente ...

Mio marito mi tradisce online - E' possibile l'addebito della separazione e la richiesta del mantenimento?
Ho scoperto che mio marito, reiteratamente, sentiva e intratteneva rapporti virtuali con altre donne sui social network: me ne sono andata di casa, chiedendo chiesto l'addebito della separazione più il mantenimento. Lui, però, non vuole saperne, dicendo che, in realtà, non mi ha tradito concretamente e che, anzi, la mia decisione di abbandonare casa da un giorno all'altro comporta che la separazione sia addebitata a me. Chi ha ragione? ...

Dove mi trovo?