Separazione e mantenimento - Se la mia ex non vuole lavorare l'obbligo cessa?

Sono separato da un anno, dopo circa cinque anni di matrimonio impossibile: a mia moglie, disoccupata, corrispondo circa 1000 euro di assegno di mantenimento.

La cosa che mi fa più arrabbiare è che io sono in affitto e, con quanto gli corrispondo, arrivo a malapena a fine mese, vivendo di stenti.

Lei invece, vive nella ex casa familiare, assegnata dal giudice, e non ha alcuna intenzione di andare a lavorare, vivendo col mio assegno.

Anzi, mi ha pure detto palesemente di aver rifiutato tre o quattro proposte di lavoro.

E' assurdo.

Posso far in modo, che data la sua assente voglia di occuparsi, possa far cessare, o almeno diminuire, quanto gli corrispondo mensilmente?

Chi, nell'ambito di una separazione e relativo beneficio dell'assegno di mantenimento, rifiuti senza valide ragioni un posto di lavoro, potrebbe mette a rischio il ricevimento del giovamento.

Infatti, recentemente, la Corte di Cassazione si è occupata proprio del caso in cui la ex rifiuti un lavoro senza un valido motivo e sulle conseguenze di tale scelta sull'assegno di mantenimento.

Più precisamente, gli Ermellini, con ordinanza 5817/18, hanno chiarito che in tema di separazione personale dei coniugi l'attitudine al lavoro proficuo dei medesimi, quale potenziale capacita di guadagno, costituisce elemento valutabile ai fini delle statuizioni afferenti l'assegno di mantenimento.

Tale attitudine del coniuge al lavoro assume in tal caso rilievo ove venga riscontrata in termini di effettività possibilità di svolgimento di un'attività lavorativa retribuita, in considerazione di ogni concreto fattore individuale e ambientale, e con esclusione di mere valutazioni astratte e ipotetiche

Dunque, va escluso il diritto al mantenimento spettante alla consorte che fosse in grado di procurarsi redditi adeguati stante la pacifica esistenza di proposte di lavoro le quali immotivatamente non erano state accettate.

In parole più semplici, dunque, può perdere l'assegno di mantenimento la ex che rifiuta immotivatamente offerte di lavoro.

Dunque, possiamo sostenere che, se l'ex è disoccupata l'assegno di mantenimento può esserle negato se la sua inattività deriva da pigrizia o dal rifiuto accertato di effettive e concrete opportunità di lavoro.

14 marzo 2018 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno di mantenimento o divorzile per coniuge e figli
separazione personale dei coniugi e divorzio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di ...
Mantenimento dei figli maggiorenni - quando cessa l'obbligo?
L'obbligo di mantenimento per figli maggiorenni, sancito in una sentenza di separazione personale o divorzio, cessa con il raggiungimento dell'autosufficienza economica accertata all'esito di un procedimento ex articolo 710 codice di procedura civile Il diritto a percepire gli assegni di mantenimento riconosciuti, in sede di separazione, con sentenza passata in ...
Separazione personale » Per la determinazione dell'assegno di mantenimento conta la durata del matrimonio
Nell'ambito di una separazione personale, per la determinazione degli importi da corrispondere nell'assegno di mantenimento incide la durata del matrimonio. La durata breve del matrimonio può incidere sulla determinazione dell'assegno divorzile ben potendo non essere osservati tutti i criteri indicati dall'art. 5, comma 6, l. n. 898/1970 e potendo alcuni ...
Assegno di mantenimento o divorzile - Cessa il diritto se il beneficiario forma una nuova famiglia di fatto
Per giurisprudenza ormai consolidata l'espressione "famiglia di fatto" non consiste soltanto nel convivere come coniugi, ma indica prima di tutto una "famiglia", portatrice di valori di stretta solidarietà, di arricchimento e sviluppo della personalità dì ogni componente, e dì educazione e istruzione dei figli. Ove tale convivenza assuma i connotati ...
Separazione personale » L'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge
Nell'ambito di una separazione personale, l'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge obbligato. L'assegno di mantenimento da corrispondere al coniuge beneficiario deve essere calcolato dal giudice tenendo in considerazione il reddito netto percepito dal soggetto onerato e non quello lordo. Questo l'orientamento espresso dalla Corte ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca