Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria

L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie.

Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli.

Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di merito, a favore dei figli della coppia.

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20145/14.

Dopo una separazione personale, a parere degli Ermellini, le precarie condizioni di salute del coniuge obbligato, che ne compromettono gravemente la capacità lavorativa, possono addirittura graziare lo stesso dall'onere dell'assegno di mantenimento.

26 settembre 2014 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno di mantenimento » non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 26 settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca