Alla ex moglie non va di lavorare? – Stop all’assegno di mantenimento

Mio fratello ha sposato una ragazza dell’est, conosciuta in vacanza all’estero: dopo pochi mesi si sono sposati e ancora dopo poco divorziati, così lui è costretto a provvedere al mantenimento.

Lei sembra che non abbia alcuna intenzione di lavorare.

E’ possibile ciò: si può fare qualcosa?

Se la ex moglie non lavora poiché non ne abbia alcuna voglia, l’assegno di mantenimento può essere non corrisposto dall’ex consorte: ciò anche se il divario reddituale tra i due ex coniugi è rilevante.

Ciò è’ quanto è stato stabilito dal Collegio giudicante trevigiano che ha respinto la richiesta di aumento dell’assegno di mantenimento avanzata da una donna nei confronti dell’ex marito e ha deciso l’interruzione della corresponsione dell’assegno mensile che, da oltre un anno, riceveva dal suo ex partner.

La donna quindi non avrà più diritto a nulla e dovrà mantenersi da sola perché in base alla sentenza sarebbe ravvisabile una sua inerzia colpevole nel reperire un’occupazione.

A parere dei giudici, infatti, la donna avrebbe potuto reinserirsi sul posto di lavoro e se finora non ha trovato un’occupazione è perché sarebbe una ‘scansafatiche’ poiché a prescindere dal divario reddituale e patrimoniale, non essendovi stato alcun sacrificio (da parte della donna), non vi è alcun diritto a un assegno divorzile.

La sentenza è coraggiosa e si richiama ai principi della Cassazione, poichè l’assegno divorzile si poggia su un principio di solidarietà: non è un atto dovuto.

Per ottenerlo non è sufficiente che ci sia un divario economico.

La legge impone al coniuge più debole di dare prova in giudizio di aver cercato un lavoro.

L’orientamento della Cassazione negli ultimi anni ha cercato di limitare la concessione indiscriminata dell’assegno di mantenimento al coniuge più debole, si tratti della moglie o del marito.

Ciò di cui si tiene conto sono i mutamenti sociali e la maggiore libertà nella scelta matrimoniale e sulla parità tra i sessi.

Quindi se c’è inerzia da parte di chi richiede l’assegno, il giudice non può riconoscerlo: diventerebbe una rendita parassitaria.

12 Marzo 2019 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione e mantenimento - Se la mia ex non vuole lavorare l'obbligo cessa?
Sono separato da un anno, dopo circa cinque anni di matrimonio impossibile: a mia moglie, disoccupata, corrispondo circa 1000 euro di assegno di mantenimento. La cosa che mi fa più arrabbiare è che io sono in affitto e, con quanto gli corrispondo, arrivo a malapena a fine mese, vivendo di stenti. Lei invece, vive nella ex casa familiare, assegnata dal giudice, e non ha alcuna intenzione di andare a lavorare, vivendo col mio assegno. Anzi, mi ha pure detto palesemente di aver rifiutato tre o quattro proposte di lavoro. E' assurdo. Posso far in modo, che data la sua assente ...

Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di merito, a favore dei figli della coppia. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20145/14. Dopo una separazione personale, a parere degli Ermellini, le precarie condizioni di salute del coniuge obbligato, che ne compromettono gravemente la capacità lavorativa, possono addirittura graziare lo stesso dall'onere dell'assegno di mantenimento. ...

Pignoramento assegno di mantenimento contestuale alla separazione giudiziale
E' possibile che il giudice decida già in seduta di separazione consensuale di pignorare la quota del mantenimento dallo stipendio senza così ricorrere in una seconda verifica evitando così il possibile mancato versamento del mantenimento? ...

Dove mi trovo?