Scavo nel sottosuolo di un appartamento a piano terra - E' necessario il consenso del condominio?

Occupo piano terra e cantina di un edificio condominiale: vorrei eseguire dei lavori di scavo per innalzare il pavimento cantina ed isolarlo per eliminare l'umidità di risalita delle mura.

Si tratta, in pratica, di effettuare uno scavo nel sottopavimento per realizzare dei tagli meccanici nei muri dove inserire materiali isolanti, comunque non invasivi delle fondazioni.

E' comunque necessaria l'autorizzazione condominiale per procedere allo scavo?

in base all'articolo 1117 del codice civile,oggetto di proprietà comune non è solo la superficie a livello del piano di campagna, bensì tutta quella porzione del terreno su cui viene a poggiare l'intero fabbricato e dunque immediatamente pure la parte sottostante di esso.

Anche l'articolo 840 del codice civile può essere citato per ricordare che la proprietà del suolo si estende al sottosuolo, con tutto ciò che vi si contiene.

Pertanto, dal combinato disposto degli articoli 1117 e 840 del codice civile, si evince che il sottosuolo, inteso come zona esistente in profondità al di sotto dell'area superficiaria che è alla base dell'edificio, deve essere considerato di proprietà condominiale, salvo vi sia un titolo che ne attribuisca la proprietà esclusiva ad uno dei condomini.

in mancanza di tale titolo, senza il consenso degli altri partecipanti alla comunione, nessun condomino può procedere all'escavazione in profondità del sottosuolo.

In tal senso si è espressa anche l'ordinanza 29925/2019 della Corte di cassazione.

23 novembre 2019 · Chiara Nicolai

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?