Agevolazione prima casa » Valida se cambi casa esigenze familiari

Non si decade dal beneficio dell’agevolazione prima casa se si è costretti ad acquistare un secondo appartamento a causa dell’allargamento della famiglia.

Non deve dire addio alle agevolazioni fiscali prima casa il contribuente che possiede un altro immobile abitativo nello stesso Comune che però non è idoneo a soddisfare le esigenze abitative della famiglia, ampliatasi per l’adozione di tre bambini.

Questo l’orientamento espresso dalla Commissione Tributaria Regionale (CTR) della Lombardia con sentenza 2970/28/14.

Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, il beneficio dell’agevolazione prima casa è concesso anche a chi già possiede un altro immobile nello stesso Comune ma questo non è più idoneo, per caratteristiche e dimensioni, a soddisfare le esigenze abitative della famiglia.

A parere dei Giudici tributari, nella fattispecie in cui la famiglia cresca, e la casa che si abbia già a disposizione non sia più idonea, costringendo la famiglia ad acquistarne una nuova, l’agevolazione è comunque ammessa per il nuovo immobile.

Ciò, perché l’appartamento di cui già si dispone non può sopperire ai bisogni della famiglia e non può pertanto considerarsi abitazione principale.

Infatti, ai fini dell’agevolazione prima casa, la disponibilità di un alloggio deve essere intesa non in senso oggettivo bensì soggettivo, ovvero va verificato che l’appartamento possa effettivamente considerarsi prima casa tale da ospitare la famiglia.

Dunque, per non decadere dal beneficio, è sufficiente dimostrare che il primo appartamento, per mancanza di spazio o per altri motivi strutturali, non è funzionale alle sopraggiunte esigenze familiari e che, il secondo appartamento è quello effettivamente idoneo ad ospitare la famiglia.

Da notare che questo principio di diritto è stato più volte affermato dalla Suprema Corte (sentenze n. 11564/2006, n. 17938/2003, n. 10953/2003, tanto per citarne alcune) e di esso, secondo il giudice dell’appello, deve essere assicurata l’esatta osservanza.

24 Ottobre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Non si perde l'agevolazione fiscale prima casa se si possiede un immobile non idoneo a soddisfare le esigenze abitative della famiglia
L'agevolazione per la cosiddetta prima casa subordina l'applicazione del beneficio all'acquisto di un'unità immobiliare da destinare a propria abitazione nel comune di residenza o (se diverso) ove si svolge la propria attività, al non possesso di altro immobile idoneo ad essere destinato a tale uso e alla dichiarazione formale, posta nell'atto di compravendita, di voler stabilire la residenza nel comune ove è ubicato l'immobile acquistato. Ne consegue che chi abbia il possesso di altra casa valutata non idonea alle esigenze abitative, sia per circostanze di natura oggettiva (es.: inabitabilità) che di natura soggettiva (es.: fabbricato inadeguato per dimensioni o caratteristiche ...

L'agevolazione prima casa spetta al professionista che esercita, anche se in modo non prevalente, l'attività professionale nel comune ove è ubicato l'immobile acquistato in regime agevolato
L'agevolazione prima casa spetta al professionista che esercita, ancorché in modo non prevalente, l'attività professionale nel comune ove è ubicato l'immobile acquistato in regime agevolato. Questo il principio di diritto sancito dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 13416/16. ...

Nessuna agevolazione fiscale prima casa se l'immobile acquistato supera i 240 metri quadri - Anche se gli acquirenti sono due e l'appartamento viene successivamente frazionato
Per fruire delle agevolazioni fiscali prima casa e ai fini del riconoscimento del carattere di lusso del cespite acquistato, la normativa vigente ricollega l'esistenza di diversi criteri che fanno comunque riferimento alla tipologia dell'immobile oggetto di compravendita, alla sua estensione (non deve superare i 240 metri quadri per poter fruire del beneficio fiscale) ed alle sue caratteristiche intrinseche nonché alla situazione esistente all'atto dell'acquisto (e non quella successivamente realizzata dall'acquirente). In particolare, l'acquisto di un unico cespite immobiliare, con superficie utile complessiva di metri quadri 240, da parte di due soggetti non può giustificare, ai fini dell'agevolazione cosiddetta prima casa, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su agevolazione prima casa » valida se cambi casa esigenze familiari. Clicca qui.

Stai leggendo Agevolazione prima casa » Valida se cambi casa esigenze familiari Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 24 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Agosto 2017 Classificato nella categoria agevolazioni fiscali prima casa o per acquisto immobili destinati a locazione Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)