Ritardo di presentazione atto di rinuncia eredità

Un creditore di mio padre defunto ha richiesto la risoluzione del debito: in fase di processo l’atto di rinuncia alla eredità, redatto alla morte di mio padre, è stato presentato prima della sentenza, ma in ritardo rispetto alla procedura giudiziaria.

Risultato, nella sentenza appaio come erede e devo accollarmi parte dei debiti di mio padre insieme ai regolari eredi miei fratelli. I termini di appello sono scaduti impossibilitato di richiederlo in quanto pare avrei dovuto richiedere agli altri eredi una loro dichiarazione di nullaosta dal mio appello.

Quindi anche con atto regolare di rinuncia sono obbligato a pagare il debito di mio padre?

Purtroppo, così prescrive la legge: il documento di rinuncia andava presentato per tempo affinché i giudici potessero deliberare avendone conoscenza.

7 Gennaio 2015 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati solo a lui. Non vi è testamento e gli eredi siamo io, mia sorella e mia madre. Come avviene e quali sono le modalità della ripartizione dei beni sopra citati? Vengo poi al secondo punto più complicato ed ingarbugliato. Da tempo mia sorella si trova in gravi difficoltà economiche a ...

Mio suocero ha lasciato circa 30 mila euro di debiti con lo Stato - Quali sono i tempi e i costi della rinuncia all'eredità?
Mio suocero è mancato da poco e alla sua morte non ha lasciato alcun bene ma un debito di circa 28 mila euro con lo stato. Gli eredi sono tre figli (due dei quali con un figlio a testa di cui uno minore) e una moglie dalla quale era solo legalmente separato. Mi sono informata a grandi linee sul web il consiglio è quello di fare rinuncia o dal notaio o presso il tribunale competente, ma non riesco a capire a che costi andremmo incontro dato che la rinuncia dovranno farla anche i nipoti a quanto pare. Quanto tempo abbiamo ...

La rinuncia all'eredità con testamento a favore del figlio del rinunciante
Per quanto attiene l'eredità non ci sono scorciatoie, una eventuale rinuncia, che – in assenza di figli e coniuge – andrebbe ad aumentare la quota dei due fratelli (con i quali si potrebbe pur sempre trovare sempre un accordo) risulterebbe facilmente impugnabile dai creditori che otterrebbero dal giudice la facoltà di accettare l'eredità in sostituzione del chiamato rinunciante. La famiglia è composta dai miei genitori, siamo tre fratelli. Ho chiesto anche ad un avvocato e mi ha consigliato il testamento da parte dei miei genitori (uno ciascuno) a favore di mio figlio maggiorenne ma i miei genitori non ne vogliono ...

Dove mi trovo?