Vasca per idromassaggio lasciata in conto vendita e successivamente risultata rubata

Nel luglio 2007, in occasione della ristrutturazione del bagno, a causa di un mio errore nel capitolato di acquisto furono ordinate 2 vasche idromassaggio e fui costretto a pagarle entrambe. La prima l'ho utilizzata nel bagno, la seconda la lasciai al fornitore per rivenderla, il quale mi rilasciò un pagherò su carta libera intestata della ditta, nè registrata né autenticata, col quale mi rimborsava il costo della vasca in caso di vendita.

Da quella data, nonostante le mie insistenze, non è riuscito a venderla. In data odierna alla mia richiesta di restituzione della vasca mi ha risposto che era stata rubata e quindi lui non poteva più risarcirmi anche perché sono passati oltre 10 anni dalla data della stipula del pagherò.

La mia domanda è: posso ancora esigere il pagherò sottoscritto oppure sono scaduti i termini e quindi interviene la prescrizione?

Con il contratto estimatorio (in conto vendita) una parte consegna una o più cose mobili all'altra e questa si obbliga a pagarne il prezzo, salvo che restituisca le cose nel termine stabilito (articolo 1556 del codice civile).

Questa tipologia di accordo soddisfa la posizione di entrambe le parti: chi riceve in consegna il bene non assume il rischio di dover pagare il prezzo di tutta la merce, atteso che ha la facoltà di restituire l'invenduto. Chi consegna il bene in conto vendita non ha l'esigenza di reperire personalmente i singoli acquirenti.

A nostro giudizio il credito non è affatto prescritto: il soggetto incaricato di provvedere alla vendita, infatti, avrebbe dovuto almeno avvertire, tempestivamente, la controparte dell'intervenuto furto del bene ricevuto in consegna, esibire la denuncia presentata all'Autorità Giudiziaria e risarcire il proprietario. In assenza di qualsiasi comunicazione in merito è chiaro che il proprietario del bene avrebbe potuto rimanere in attesa anche per altri venti anni.

Vale la pena di consultare un avvocato come minimo per diffidare il debitore inadempiente al rispetto degli obblighi assunti e per avviare, se del caso, le opportune azioni giudiziali.

24 ottobre 2018 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prescrizione e decadenza dei debiti e dei crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione dei redditi - La sostituzione della vasca in doccia o con altra vasca dotata di sportello apribile non dà diritto alla detrazione fiscale del 50%
Non tutte le prestazioni rese da un medico o sotto la sua supervisione sono ammesse alla detrazione in dichiarazione dei redditi, ma solo quelle di natura sanitaria, rispondenti a trattamenti sanitari qualificati che, in quanto finalizzati alla cura di una patologia, devono essere effettuati da medici o da personale abilitato ...
La prescrizione del diritto di credito delle somme depositate in un libretto di risparmio decorre dalla richiesta di restituzione delle somme depositate e non dalla data di costituzione del rapporto o dall'ultima operazione compiuta
Il comportamento del depositante che, pur non compiendo ulteriori operazioni di deposito, non richiede la restituzione, non può essere interpretato come indicativo di un disinteresse a far valere il suo diritto di credito, configurante inerzia (all'esercizio del diritto medesimo) cui si ricollega il decorso del termine di prescrizione. In tema ...
Deposito in conto corrente - la prescrizione del diritto alla restituzione decorre dalla richiesta del cliente
Con il contratto di deposito bancario la banca acquista la proprietà delle somme depositate e si obbliga a restituirle al cliente alla scadenza del termine convenuto (depositi a scadenza fissa) ovvero a richiesta del depositante (depositi a vista), salva l'esigenza di rispettare un eventuale termine di preavviso (depositi con preavviso). ...
Prescrizione decennale dei contratti di mutuo e di conto corrente bancario – decorrenza
"Il momento iniziale del termine prescrizionale decennale per il reclamo delle somme indebitamente trattenute dalla banca a titolo di interessi su un'apertura di credito in conto corrente (nella specie: perché calcolati in misura superiore a quella legale senza pattuizione scritta), decorre dalla chiusura definitiva del rapporto, trattandosi di un contratto ...
Il beneficiario di assegni bancari non è necessariamente un debitore
Il sedicente creditore che pretenda la restituzione di somme date in prestito è tenuto a provare gli elementi costitutivi della domanda e, quindi, non solo la consegna, ma anche il titolo della stessa, da cui derivi l'obbligo della vantata restituzione. Infatti, l'esistenza di un contratto di prestito non può essere ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca