Reversibilità della pensione di vecchiaia con accompagnamento per invalidità

In febbraio è venuto a mancare mio padre, che aveva un’ invalidità del cento per cento riconosciuta, dovuta al progressivo peggioramento nel tempo della sua malattia, il diabete. Percepiva una pensione di vecchiaia più un accompagnamento per la sua invalidità che insieme ammontavano a circa 1800 euro. Dopo la sua morte mia madre ha chiesto la reversibilità della pensione di mio padre (suo marito), ma all’ Imps le hanno riconosciuto solamente il 60 per cento della sola pensione di anzianità.

E’ regolare tutto ciò oppure c’è qualcosa che non va? A dire il vero credevamo che a mia madre spettasse il 60 per cento dei 1800 euro, cioè poco più di 1000 euro invece dei 580 euro circa che le hanno riconosciuto.
All Imps le hanno detto che la reversibilità riguarda solamente la pensione di vecchiaia perchè l’ accompagnamento è stato concesso a mio padre dopo che era andato in pensione.

A me risulta che l’assegno di invalidità si trasforma in pensione di vecchiaia quando la persona ha raggiunto i requisiti anagrafici e contributivi, entrambi raggiunti qualche anno fa.

Potete consigliarmi su cosa si possa fare in merito? Grazie per la vostra attenzione.

Vero: al compimento dell’età pensionabile e in presenza di tutti i requisiti, l’assegno ordinario di invalidità viene trasformato d’ufficio in pensione di vecchiaia.

Tuttavia, cosa ben diversa è l’indennità di accompagnamento: mentre l’assegno ordinario di invalidità è una prestazione economica erogata in favore di coloro la cui capacità lavorativa è ridotta a meno di un terzo a causa di infermità fisica o mentale, l’indennità di accompagnamento è una prestazione economica erogata in favore dei soggetti mutilati o invalidi totali per i quali è stata accertata l’impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore oppure l’incapacità di compiere gli atti quotidiani della vita.

Per quel che attiene l’indennità di accompagnamento, si tratta di un beneficio che cessa con la morte del beneficiario e non è reversibile, a differenza dell’assegno di invalidità che è reversibile qualora il beneficiario, prima del decesso, abbia maturato il diritto alla conversione in pensione di vecchiaia.

3 Aprile 2019 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Arretrati pensione invalidità e accompagnamento - I creditori potranno intervenire con pignoramento delle somme dovute dall'INPS?
Dopo 7 anni in causa con inps, mia madre ottiene invalidità 100% e accompagnamento con arretrati: dato che mia madre ha debiti con agenzia delle entrate e con banche E possibile che inps detragga somme dagli arretrati che sta per liquidare a mia madre? Come funziona? ...

Pignorabilità di indennità di disoccupazione, pensione di invalidità ed indennità di accompagnamento
Pignoramento indennità di disoccupazione Con la sentenza 85/2015 la Corte costituzionale ha sancito che l'indennità mensile di disoccupazione rientra tra le prestazioni previdenziali assimilate alle pensioni sotto il profilo delle tutele assicurate dall'articolo 38 della Costituzione. L'indennità di disoccupazione, dunque, ha natura previdenziale: l'articolo 38 comma 2 della Costituzione dispone, infatti, che i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Ora, l'articolo 545 del codice di procedura civile prevede, per le prestazioni di natura previdenziale, che le somme da chiunque dovute a ...

Anzianità contributiva per la pensione di vecchiaia anticipata ed età minima per la pensione di vecchiaia
Vorrei sapere, se possibile, quali sono i requisiti per la pensione di vecchiaia anticipata e per la pensione di vecchiaia. ...

Dove mi trovo?