Reddito di cittadinanza e tirocinio retribuito





La circolare INPS 43/2019 precisa che il reddito da tirocinio eventualmente percepito durante la fruizione di RdC non modifica l'importo del beneficio RdC





Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Il mio nucleo familiare, composto da marito, moglie e figlio minore, percepisce Reddito di Cittadinanza (793 euro al mese): io e mia moglie dovremo iniziare a giugno un tirocinio retribuito presso il comune della mia città.

Non si tratta di un tirocinio specificatamente rivolto ai percettori di Reddito di Cittadinanza (RdC) ma rivolto a disoccupati in generale.

Il tirocinio prevede 6 mesi retribuiti con 500 euro al mese (3000 euro totali). Lo stato di disoccupazione non si perderà ma il tirocinio è considerato, a livello fiscale, reddito assimilato a lavoro dipendente.

Io e mia moglie percepiremo, in totale, da questo tirocinio 6000 euro (3000 euro a testa) in questi 6 mesi.

L’importo del reddito di cittadinanza verrà diminuito non appena inizieremo il tirocinio?

Oppure percepiremo sia il reddito di cittadinanza (793 euro al mese) + l’indennità di tirocinio (1000 euro al mese, cioè 500 euro a testa)?

Inoltre questi 500 euro che percepiremo a testa saranno per intero oppure saranno di meno causa pagamento irpef? Spiegatemi bene pure il discorso detrazioni.

Il decreto legge 4/2019, che istituisce il Reddito di Cittadinanza (RdC), prevede che debba essere comunicato all’INPS tramite modello RdC/PdC COM Esteso, entro 30 giorni dall’evento (pena la revoca del beneficio) l’avvio di qualsiasi attività lavorativa, comunicando il reddito percepito per la prestazione lavorativa resa, fino al 31 dicembre dell’anno in cui l’attività viene svolta.

La circolare INPS 43/2029 stabilisce, tuttavia, che il reddito percepito per la frequenza ad un tirocinio, non deve essere comunicato all’INPS: quindi, in sostanza, la circolare INPS 43/2019 precisa che l’avvio di un tirocinio non viene assimilato all’avvio di una attività da lavoro dipendente, pur se nel bando di partecipazione al tirocinio è stato precisato che il reddito da tirocinio è considerato, ai fini IRPEF, come reddito assimilato a lavoro dipendente.

Sia il marito che la moglie, che frequenteranno il tirocinio, non dovranno versare alcuna imposta IRPEF per l’importo percepito con il tirocinio: infatti con 250 euro pro capite, da giugno a dicembre, non si supera la cosiddetta NO TAX AREA: beninteso, quanto sopra vale nell’ipotesi formulata che i soli redditi percepiti nel corso del 2023 dal nucleo familiare provengano esclusivamente da Reddito di Cittadinanza e Tirocinio.

Concludendo: il Reddito di Cittadinanza erogato a favore del nucleo familiare resterà immutato da giugno a dicembre 2023 e il reddito da tirocinio percepito da marito e moglie non comporterà il pagamento di IRPEF nel 2024.

STOPPISH

19 Maggio 2023 · Genny Manfredi

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con Whatsapp

condividi su Whatapp

    

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it


Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo FAQ page – Famiglia • Lavoro e pensioni • DSU ISEE • eredità e donazioni » Reddito di cittadinanza e tirocinio retribuito. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.