Recupero crediti girata cambiali e regresso – parte seconda

In riferimento a questo topic, tenga conto che sono un dipendente privato con stipendio mensile di 1250 euro medio circa su 12 mensilità moglie a carico e mutuo di 420 euro variabile con 101 mila euro di capitale residuo e ipoteca per i prossimi 25 anni di 185 mila euro.

Ecco, appunto: se io fossi il suo creditore non accetterei le cambiali, non le sottoscriverei una quietanza liberatoria, né tanto meno rinuncerei all’azione di regresso.

Invece, avvierei subito un’azione legale (ricorso al giudice per decreto ingiuntivo) finalizzata al pignoramento del 20% del suo stipendio netto presso il datore di lavoro.

Se sullo stipendio non insistono altri pignoramenti in corso per crediti ordinari, il fatto che lei abbia la moglie a carico e paghi un mutuo di 420 euro non ha alcuna valenza giuridica e non può preservarla dal prelievo alla fonte di 250 euro/mese a beneficio del creditore.

11 Agosto 2015 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti dal blog

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero crediti girata cambiali e regresso – parte seconda