Prestito Bancario con garante (seconda parte)

In riferimento a questo topic, aggiungo che mio marito è nullatenente a parte metà auto, un'utilitaria.

Mio suocero che è garante ha una casa e io anche ma è la nostra abitazione principale.

Io sono autonoma da pochi mesi per questo riesco a pagare i debiti di mio marito c'è solo un unico prestito a mio nome ma è in regola. Tutto il resto è a suo nome ma pago io in maniera tracciabile per evitare altri problemi.

I conti correnti sono vuoti ma quello dei miei suoceri no.

Se volessimo procedere con Unifidi come fare? La banca non sembra dell'idea. Nonostante sono al corrente della situazione è un anno che andiamo avanti e quindi con gli interessi. Hanno risposto oggi solo dopo raccomandata prima non ci passavano neanche il direttore.

Sinceramente la mia impressione è che ci sia qualcosa sotto...

Contro Unifidi non è possibile procedere giudizialmente: anche se ha chiesto 750 euro per prestare fideiussione, non è che con quella cifra il debitore possa pretendere la copertura del prestito non rimborsato.

Da contratto, va escusso dalla banca dapprima il debitore principale, poi il garante e solo in ultima istanza il fideiussore Unifidi. E, comunque, anche se Unifidi pagasse, diverrebbe creditore di suo marito (e del garante).

Purtroppo, presto o tardi la banca iscriverà ipoteca sulla casa di suo suocero.

29 gennaio 2015 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prelievo bancario senza giustificazione da parte di professionisti » Incostituzionale la presunzione fiscale
Addio presunzione fiscale: il prelievo in banca non è più considerato ricavo nero per gli autonomi. I prelievi dal conto bancario da parte di professionisti e autonomi senza giustificazione non possono essere considerati automaticamente compensi in nero. È arbitrario, infatti, ipotizzare che i prelievi ingiustificati da conti correnti bancari effettuati ...
Assegno sottoscritto con una sigla e non con la firma di traenza - La banca che paga lo fa a proprio rischio e pericolo
Se sugli assegni portatì in pagamento alla banca risulta apposta non già una firma di traenza, bensì una semplice sigla, la banca trattaria non può procedere al pagamento che, se effettuato, avviene a suo rischio. Infatti, nell'adempiere l'obbligazione il debitore (nella fattispecie la banca) deve adottare la diligenza richiesta con ...
Dichiarazione dei redditi congiunta - La responsabilità solidale dei coniugi non viene meno con la successiva separazione personale
La dichiarazione dei redditi congiunta, consentita a coniugi non separati, costruisce una facoltà che, una volta esercitata per libera scelta degli interessati, produce tutte le conseguenze, vantaggiose ed eventualmente svantaggiose, che derivano dalla legge e che ne connotano il peculiare regime, a prescindere dalle successive vicende del matrimonio. Ne consegue ...
Cattivi pagatori credito al consumo e tutela del consumatore – domande e risposte (parte seconda)
Avviene che il debitore stabilisce con una banca o con una società finanziaria una dilazione di pagamento destinata all'acquisto di un bene o un servizio. Pagherà a rate al finanziatore. La banca o società finanziaria pagherà subito l'intera somma al venditore. Il venditore consegnerà subito il bene o servizio al ...
Dichiarazione dei redditi congiunta - i rischi che si corrono
La normativa concede ai coniugi, non legalmente ed effettivamente separati, la facoltà di presentare su un solo modello la dichiarazione (congiunta) dei redditi di ciascuno di essi, disponendo che, in tale ipotesi, la notifica della cartella esattoriale per l'imposta sul reddito eventualmente iscritta a ruolo (omesso o insufficiente pagamento) sia ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca