Problema prestito non pagato - Cosa può succedere?

Prestito di 30 mila euro con una banca, con rata di 445 euro, saldati 17 mila, rimanenti 13 mila e indietro di 2 rate e recupero crediti col fiato sul collo.

Ora io non ho più un lavoro, non possiedo una casa, ma solo un automobile, mia moglie ha un centro estetico a suo nome aperto da poco tempo e con i suoi relativi debiti (leasing, affitto, e un piccolo prestito) e non può aiutarmi, come non possono aiutarmi i miei genitori e i miei suoceri.

Cosa può succedere se continuo a non adempiere al pagamento delle rate? Possono portarmi via la macchina e basta? Viviamo a casa dei miei suoceri se può essere utile alla consulenza.

A questo punto, può accederle ben poco: difficile che la banca pignori un veicolo usato e non di pregio.

Altrettanto difficile, come già continuamente ripetuto in questo forum, il pignoramento, avviato dalla banca, presso la residenza o il domicilio del debitore. Infatti, si tratta di un'azione esecutiva assai poco efficace: la banca vi potrebbe ricorrere solo quando nella residenza o nel domicilio del debitore è ragionevolmente presumibile rinvenire beni di valore (quadri d'autore, gioielli, collezioni, mobili di antiquariato).

Tanto premesso, opera, per quanto attiene il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore, il principio della presunzione legale di proprietà: tutto quello che si trova nella casa in cui vive il debitore è di proprietà del debitore stesso.

Le conseguenze derivanti dal principio appena enunciato possono essere limitate con la stipula di un contratto di comodato d'uso, registrato presso l'Agenzia delle entrate, sia dell'appartamento che dei beni (mobili, arredi, elettrodomestici, impianti di servizio e quant'altro) in esso collocati.

Tuttavia, così come stabilito dalla Corte di cassazione (sentenza 23625/12), l'attività svolta dall'ufficiale giudiziario in sede di pignoramento mobiliare é meramente esecutiva, e deve ritenersi preclusa al medesimo qualsiasi valutazione giuridica dei titoli di appartenenza dei beni da sottoporre al pignoramento eventualmente esibiti dal debitore, rimanendo a disposizione degli eventuali terzi proprietari lo strumento processuale dell'opposizione del terzo all'esecuzione.

Ciò significa che l'ufficiale giudiziario potrebbe, anche a fronte dell'esibizione del contratto di comodato registrato da parte del debitore esecutato, procedere comunque al pignoramento (magari lasciando in custodia i beni pignorati al debitore stesso).

Al verificarsi di una simile circostanza, il comodante sarebbe costretto a rivolgersi ad un un avvocato per presentare al giudice delle esecuzioni istanza di liberazione dei beni pignorati dall'ufficiale giudiziario.

Non sempre accade: il più delle volte l'ufficiale giudiziario esaminato il contratto di comodato e ispezionati i locali, va via e redige verbale di pignoramento infruttuoso. Ma, non è escluso che la questione potrebbe complicarsi richiedendo l'intervento (e l'onorario) di un legale.

3 novembre 2015 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di prestito - Il prestito delega
Il prestito delega (o delegazione di pagamento), è una forma di prestito personale di cui possono usufruire i lavoratori dipendenti. Tale forma di prestito è regolata dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Per capire di cosa si tratta possiamo partire dalla cessione ...
Contratti di prestito – il prestito personale
Il prestito personale è una delle forme più comuni di contratto di prestito. Rientra nelle categorie previste per il credito al consumo e non è sottoposto ad alcun vincolo riguardo le modalità con cui viene impiegato il credito concesso. Con il contratto di prestito personale una somma viene erogata dalla ...
Contratti di prestito – leasing finanziario
Il leasing finanziario è un contratto di prestito contraddistinto dall'esistenza di un rapporto trilaterale in quanto vi intervengono tre soggetti: 1.il locatore, che svolge l'attività di intermediario finanziario; 2.l'utilizzatore o locatario (volgarmente definito conduttore: termine proprio di altra forma contrattuale tipica), che utilizza il bene; 3.il fornitore, cioè colui che ...
Contratti di prestito - il prestito vitalizio ipotecario
Sono un pensionato che purtroppo si ritrova iscritto in CRIF come cattivo pagatore. Sono anche protestato. In CRIF mi ritrovo perchè sono tantissimo in ritardo con il mutuo e se non provvedo a sistemare la mia situazione debitoria con la banca, mi prendono la casa. Non posso fare la cessione ...
Mutuo o leasing? » Ecco differenze e vantaggi
In questi tempi bui, in cui la crisi la fa da padrone, il tema del credito sta acquisendo un peso sempre più forte. In un clima in cui le banche non concedono nulla, le formule di prestito più richieste continuano ad essere quelle che riguardano i beni strumentali: ovvero il ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca