Quando cadono in prescrizione le cartelle esattoriali emesse per tributi locali non pagati?

Ho fatto un estratto al ruolo alla agenzia riscossione sicilia per l'arrivo di una cartella di un bollo del 2010: ho appurato che vi sono anche altre cartelle sia del bollo degli anni: 2002, 2007, 2008, 2009, 2010, 2011 e vorrei sapere s sono annullabili con autotutela se vado all'agenzia dell'entrate.

Poi tassa rifiuti anni: 2006, 2008, 2009, 2010.

Multa autobus AMT (azienda municipale trasporti del 1998.

Sono annullabili dato che siamo nel 2017? E non mi è arrivato nulla oltre quella cartella!

Avevo pensato di andare in ogni ente con gli estremi delle cartelle e farli annullare in autotutela? Si puo?

Le cartelle esattoriali per tributi locali (comunali come la Tarsu e regionali come il bollo auto) si prescrivono in cinque anni che decorrono dalla data di notifica dell'atto.

Tuttavia, il creditore (o chi per lui - se parliamo di cartelle di pagamento di interagire con il debitore è compito del concessionario della riscossione) può notificare al debitore una comunicazione in cui gli ricorda l'inadempimento, gli ingiunge di regolarizzare la propria posizione ed interrompe i termini di prescrizione. Nel caso specifico di cui si discute, la prescrizione comincerebbe a decorrere, dalla data di notifica della comunicazione interruttiva dei termini di precrizione, per altri cinque anni.

Ora, il fatto che il debitore asserisca di non aver ricevuto nulla, conta ben poco: il mondo è pieno di debitori che ritenevano prescritte le proprie obbligazioni e si sono poi ritrovati a carico un pignoramento dello stipendio o della pensione, di un conto corrente e chi più ne ha, più ne metta.

Il fatto è che in occasione di una temporanea irreperibilità del destinatario, per la consegna di una comunicazione interruttiva dei termini di prescrizione inviata dal concessionario della riscossione con una raccomandata AR, il postino deve limitarsi ad inserire, nella cassetta delle lettere del destinatario, un avviso di giacenza della missiva non recapitata presso l'ufficio postale. Può accadere che l'avviso vada smarrito fra altre carte e depliants pubblicitari. Così come può darsi che il postino sbagli cassetta postale oppure addirittura non si curi di compilare l'avviso e, in alcuni casi, non provi nemmeno ad effettuare la consegna.

Avviso o non avviso, dopo 10 giorni, la notifica si perfeziona correttamente per compiuta giacenza.

Ecco perché è comunque necessario recarsi presso il concessionario della riscossione per chiedere di poter prendere visione della documentazione relativa alle eventuali comunicazioni spedite per riscuotere l'importo portato dalla cartella esattoriale.

Solo dopo aver acquisito le necessarie informazioni è possibile pensare a chiedere l'annullamento in autotutela delle cartelle esattoriali per intervenuta prescrizione del diritto ad esigere le somme iscritte a ruolo oppure ad impugnare le cartelle per eccepire l'omessa notifica delle cartelle stesse.

18 gennaio 2017 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

bollo auto (tassa automobilistica) prescrizione e decadenza
cartella esattoriale prescrizione e decadenza
prescrizione tassa rifiuti
prescrizione tributi locali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartelle esattoriali mute » Dopo il 1 giugno 2008 tutte nulle
Cartelle esattoriali mute: per la Corte di Cassazione tutte nulle quelle emesse dopo il 1° giugno 2008. Per cominciare chiariamo il significato di cartella muta. La cartella esattoriale muta è una cartella esattoriale che non riporta il nome del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo (di pertinenza dell'ente creditore) ...
Cartelle esattoriali » A partire dal primo luglio 2017 cambiano busta e mittente
Per quanto riguarda le cartelle esattoriali, a partire dal 1 luglio 2017, con la chiusura di Equitalia, non recheranno più i colori il logo e il nome dell'agente di riscossione: cambieranno dunque, busta e mittente delle cartelle. A partire dal 1 luglio 2017, cambierà il mittente delle raccomandate che conterranno ...
Cartelle esattoriali di equitalia e prescrizione debiti esattoriali » Tutto ciò che il contribuente deve conoscere
Nel caso in cui Equitalia vi abbia notificato una o più cartelle esattoriali per debiti pregressi, come verificare che, trattandosi di vecchi tributi, il credito nei vostri confronti sia ancora da onorare o sia scaduto? Facciamo chiarezza all'interno dell'articolo. Per stabilire se si devono pagare i debiti con Equitalia di ...
Schemi decadenza e prescrizione
In generale l'avviso di accertamento può riguardare, a pena di decadenza, un addebito riferibile ad una finestra temporale ordinaria di cinque anni, che termina alla data di notifica dell'atto. Nel caso di dichiarazione omessa o infedele la finestra è di sei anni. Al 31 dicembre 2010, dunque, possono essere notificati accertamenti ...
Pagare i debiti di cartelle esattoriali con la compensazione » Le istruzioni dell'Agenzia delle entrate-riscossione
E' possibile onorare le proprie pendenze verso l'Agenzia delle Entrate-riscossioni, per debiti indicati in cartelle esattoriali, tramite la compensazione: vediamo come. Se si hanno dei crediti verso lo Stato, è possibile decidere di utilizzarli per pagare eventuali cartelle esattoriali a proprio carico. Ciò è possibile in due modalità: Compensazione con ...

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca