Pignoramento stipendio per un debito verso INAIL

Ho preso accordi un anno fa, circa, per il pagamento di un debito verso l'Inail, con un piano di rientro di 50 euro mensili per due anni. Ho potuto pagare solo 5 rate, poi ho dovuto bloccare il pagamento per altre sopravvenute esigenze molto importanti.

Quando l'Inail richiederà questi soldi, mi arriverà prima una comunicazione con la richiesta del pagamento tramite agenzia delle entrate che potrò rateizzare, oppure potrebbe procedere direttamente al pignoramento dello stipendio e, nel caso, dover obbligatoriamente rivolgersi a un Giudice?

Domanda numero 2 Ho anche da pagare una carta di credito, che ho saputo essere stata ceduta dalla Banca originaria ad un'altra. Questa seconda Banca non mi ha mai contattato: non potrebbe comunque procedere direttamente con un pignoramento vero?

E' prassi che prima cerchino di recuperare il credito in via stragiudiziale?

Io vorrei avere un po' di tempo per pagare, visto che ora sono riuscito a sistemare la gran parte dei debiti con saldi a stralcio rateali, ma non potrei per ora pagare altro.

Ai sensi della normativa vigente, l'Istituto Nazionale per l'Assicurazione degli Infortuni sul Lavoro (INAIL) è obbligato ad iscrivere a ruolo i crediti per premi non versati nei termini previsti da disposizioni di legge o dovuti in forza di accertamenti d'ufficio, unitamente alle sanzioni ed alle somme aggiuntive.

Non possono essere utilizzati altri strumenti di esazione diretta (ordinanze ingiunzioni, ingiunzioni fiscali), che non sono, per legge, validi come atti da finalizzare al recupero coattivo dei crediti vantati dall'Istituto.

Prima dell'iscrizione a ruolo l'INAIL ha la facoltà (non l'obbligo) di richiedere il pagamento mediante avviso bonario al debitore.

L'iscrizione a ruolo non è eseguita se il debitore provvede a pagare quanto dovuto entro trenta giorni dalla ricezione della contestazione; se entro lo stesso termine viene presentata domanda di rateazione, questa viene definita ai sensi della legge 389/1989 e si procede tempestivamente all'iscrizione a ruolo delle rate dovute, al netto dell'acconto versato.

Ora, visto che lei ha già fruito della concessione di una rateazione, a cui non ha adempiuto, dovrà aspettarsi la notifica di una cartella esattoriale comprensiva del debito residuo, sanzioni ed interessi e non ci sarà un ulteriore avviso bonario.

Se non provvederà al pagamento di quanto dovuto entro sessanta giorni dalla data di notifica della cartella esattoriale, per quanto disposto all'articolo 72 bis del DPR 602/1973 l'Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) potrà richiedere direttamente al datore di lavoro del debitore di pagare, con prelievo dallo stipendio, fino a concorrenza del credito per cui si procede; oppure, potrà pignorare il conto corrente del debitore rivolgendosi direttamente alla banca presso cui il debitore intrattiene il rapporto di conto corrente(insomma, ADER non deve passare per il giudice).

In base all'articolo 72 ter del medesimo DPR, le somme dovute a titolo di stipendio, o di altre indennità relative al rapporto di lavoro (TFR), comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall'agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi stipendiali fino a 2.500 euro e in misura pari ad un settimo per importi superiori a 2.500 euro e non superiori a 5.000 euro.

Resta ferma la misura del 20% (di cui all'articolo 545, quarto comma, del codice di procedura civile), se le somme dovute a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, superano i cinquemila euro.

Per il recupero del saldo negativo della carta di credito, la banca dovrà, invece, necessariamente rivolgersi al giudice, per chiedere ed ottenere un decreto ingiuntivo che dovrà essere notificato al debitore (che potrà, eventualmente opporsi, sussistendo validi motivi). Altrimenti, se il credito è stato ceduto, la società cessionaria sicuramente cercherà di risolvere la questione in via stragiudiziale (preferiscono pochi soldi, anche maledetti, ma subito).

18 ottobre 2018 · Giorgio Valli

A proposito della vostra risposta, vorrei dire che io ho preso accordo con l'Inail telefonicamente, perché ho ricevuto una comunicazione nella quale venivo informato che perdendo una causa per malattia professionale, dovevo pagare le spese processuali dell'Inail.

Quindi spero che se l'INAIL passerà per la riscossione tutto ad ADER, mi permetteranno di pagare almeno in 8 rate trimestrali come per i tributi cioè Irpef?

Lei potrà rateizzare la cartella esattoriale che dovrà notificarle ADER: questo è fuori di dubbio, addirittura in 72 rate e, se possiede particolari requisiti, anche in 120.

Tuttavia, si tratterà di rateizzare un importo diverso da quello per cui aveva concordato la dilazione con INAIL, in quanto gravato da interessi moratori maturati nel frattempo con INAIL, sanzioni ed aggio per il concessionario e, naturalmente, decurtato delle cinque rate già versate.

18 ottobre 2018 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Sinistro stradale e risarcimento danni » Non si può sommare indennizzo dell'Inail a quello dell'assicurazione rc auto del danneggiante
In tema di sinistro stradale e risarcimento danni, non si può sommare l'indennizzo corrisposto dall'Inail a quello convenuto dalla compagnia assicurativa con la polizza rc auto. Qualora l'Inail, a seguito di sinistro stradale, abbia provveduto a liquidare al danneggiato una rendita capitalizzata, le somme corrisposte dall'ente previdenziale devono essere detratte ...
Limiti di pignorabilità della rendita INAIL corrisposta in seguito ad infortunio sul lavoro o a malattia professionale
L'articolo 110 del dpr 1124/1965 dispone che le indennità corrisposte in seguito ad infortuni sul lavoro o a malattie professionali non possono essere cedute per alcun titolo, né possono essere pignorate o sequestrate, tranne che per spese di giudizio alle quali l'assicurato o gli aventi diritto, con sentenza passata in ...
Equitalia » Nuove regole per il pignoramento presso terzi
Nuove disposizioni per quanto riguarda il pignoramento presso terzi effettuato da equitalia: l'ordine di pagamento a terzi può valere per tutti i crediti. Il pignoramento presso terzi è, ormai, uno strumento sempre più utilizzato da parte di Equitalia. Parliamo, appunto, dell'ordine di pagamento che l'agente della riscossione rivolge direttamente al ...
Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la ...
Pignoramento beni » Che succede quando il valore è superiore al debito
In tema di pignoramento, il creditore ha la possibilità di agire sui beni di proprietà del debitore anche se il loro valore è superiore a quello del credito vantato. La normativa vigente, infatti, consente al creditore di effettuare il pignoramento di beni del valore pari all'importo del proprio credito, aumentato ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca