Accordo per debito Inail da rimborsare a rate - Non pago più da quattro mesi, cosa succede adesso?

Ho un debito residuo di circa mille euro con l'Inail, per una causa persa: l'Inail ha accettato un accordo per il pagamento di 50 euro al mese, di cui ho pagato 5 rate, ma che purtroppo ora per sopraggiunti altri pagamenti non riesco a pagare da 4 mesi.

Secondo voi è possibile che l'Inail possa bloccarmi il conto corrente o il quinto dello stipendio anche per una piccola somma? Mi converrà chiedere loro una riduzione della rata mensile?

Come è noto, l'inosservanza, anche parziale, del piano di rateazione concordato con INAIL per un debito non ancora iscritto a ruolo e l'eventuale mancato o ritardato pagamento anche di una sola rata o di una parte di essa comporta l'immediata revoca del beneficio della rateazione, con conseguente applicazione delle sanzioni di legge a partire dalla data di scadenza originaria del titolo anche per i ratei già corrisposti, anche se versati nei termini previsti dalla rateazione. In altre parole, i versamenti parziali, effettuati in relazione alla domanda di rateazione, saranno considerati semplici acconti.

Il debito sarà iscritto a ruolo ed affidato al Concessionario della riscossione (gravato da sanzioni civili e da interessi pari al tasso minimo di partecipazione per le operazioni di rifinanziamento principale dell'eurosistema maggiorato di sei punti). L'omesso pagamento dell'importo preteso con la notifica della cartella esattoriale, decorsi 60 giorni dalla notifica, consentirà l'avvio di procedure esecutive per il pignoramento dello stipendio e/o del conto corrente del debitore inadempiente.

Non si tratta di una scelta che il singolo funzionario (INAIL o Agenzia Delle Entrate Riscossione - ADER) possa esercitare anche sulla base dell'entità del debito da riscuotere, ma di procedure automatizzate che, come sappiamo, non hanno anima o discrezionalità se non quella impartita con gli algoritmi (e, non si risulta che esista una soglia della posizione debitoria al di sotto della quale le procedure stabilite da creditore e concessionario debbano soprassedere all'invio della cartella esattoriale o all'avvio della riscossione coattiva quando il debitore non adempie). E, comunque, come purtroppo accennato, il debito rateizzato lieviterà in modo consistente.

Potrà comunque tamponare le eventuali azioni esecutive del concessionario della riscossione presentando istanza di dilazione della cartella esattoriale.

10 agosto 2018 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
pignoramento conto corrente e libretto di deposito
segnalazione centrale rischi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto » Piccolo prontuario per il debitore
La Cessione del quinto è un prestito personale con massima libertà di utilizzo della somma ricevuta. Il richiedente in cambio “cede” una parte del suo stipendio o della sua pensione (al massimo di un quinto) autorizzando il suo datore di lavoro a trattenere ogni mese dalla busta paga o dalla ...
Equitalia - come ottenere la dilazione del debito in 120 rate o una proroga della rateazione
L'entrata in vigore della legge di conversione del decreto Fare e la successiva emanazione del decreto attuativo del MEF (decreto del 6 novembre 2013) rendono possibile la concessione, da parte di Equitalia, di un piano di rateazione decennale (120 rate) per i debiti iscritti a ruolo. In alternativa, il debitore ...
Errore di accredito in conto corrente da parte di terzi – Il rimborso è a carico del correntista
Nel caso sia un terzo ad accreditare per errore su un conto corrente una somma non dovuta, chi ha ricevuto il versamento non può chiedere alla banca di restituire al disponente la somma erroneamente accreditatagli. Il rimborso deve essere effettuato direttamente dal correntista che ha ricevuto il pagamento, senza che ...
Sinistro stradale e risarcimento danni » Non si può sommare indennizzo dell'Inail a quello dell'assicurazione rc auto del danneggiante
In tema di sinistro stradale e risarcimento danni, non si può sommare l'indennizzo corrisposto dall'Inail a quello convenuto dalla compagnia assicurativa con la polizza rc auto. Qualora l'Inail, a seguito di sinistro stradale, abbia provveduto a liquidare al danneggiato una rendita capitalizzata, le somme corrisposte dall'ente previdenziale devono essere detratte ...
Pignoramento di stipendi, pensioni e indennità - Tips and Tricks
A proposito di pignoramento presso terzi, ed in particolare di pignoramento di stipendi e pensioni, rispettivamente presso datore di lavoro ed INPS, forse non tutti sanno che: la pensione di invalidità è impignorabile in quanto ha natura di sussidio; l'indennità di mobilità è impignorabile in quanto ha natura di sussidio; ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca