Pignoramento del conto corrente intestato ad agente monomandatario che si protrae ormai da sei mesi senza che il giudice assegni il saldo al creditore


Sono un agente di commercio monomandatario, emetto una fattura al mese, purtroppo ho ricevuto un pignoramento del conto corrente a giugno e un secondo pignoramento a novembre, ho il conto corrente bloccato da 6 mesi, le fatture sono tutte pagate lì, la somma sul conto sale e il giudice non ha ancora assegnato le somme, in famiglia lavoro solo io e ho un affitto da pagare: c’è un modo per sbloccare la situazione anche parzialmente?

La situazione descritta non è chiara: infatti, sembrerebbe che nemmeno la banca, presso cui il debitore intrattiene il rapporto di conto corrente, abbia effettuato la dichiarazione obbligatoria di cui all’articolo 547 del codice di procedura civile, in base alla quale il giudice, attraverso il creditore procedente, viene messo al corrente della consistenza effettiva dell’importo disponibile. Una volta effettuate la dichiarazione, infatti, il conto corrente non dovrebbe più essere in condizione di subire addebiti o accettare accrediti.

Inoltre, non si comprende perché l’importo emesso in fattura venga accreditato sempre sul conto corrente oggetto di pignoramento: il debitore sottoposto ad azione esecutiva potrebbe, infatti, emettere fatture con l’indicazione di accreditare l’importo corrispettivo su un nuovo conto corrente aperto allo scopo.

In ogni caso, il consiglio che possiamo dare è quello di rivolgersi ad un avvocato che possa dipanare, in tempi rapidi, questa situazione di stallo.

3 Gennaio 2022 · Ludmilla Karadzic



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento del conto corrente intestato ad agente monomandatario che si protrae ormai da sei mesi senza che il giudice assegni il saldo al creditore