Pignoramento arretrati pensione – Quali sono i limiti?


Il messaggio INPS 168/2019 prevede che la trattenuta venga calcolata su ogni rateo arretrato di pensione applicando a ciascun rateo il minimo vitale

Mio padre attende da giugno 2018 di accedere alla sua pensione che ammonta a circa 630 euro: a causa di ritardi imputabili principalmente a PreviMil (ente di previdenza militare), non ha ancora avuto accesso a tale pensione che – sembra – sarà riscuotibile solo da novembre 2018 (arretrati inclusi). A causa di un debito presso terzi, l’Inps ci informa che è stato chiesto il blocco di tali arretrati, e che la legge impone loro di effettuarlo. Mi chiedo: è vero? E se sì, con che limiti?

Il suggerimento è quello di affidarsi ad un avvocato per diffidare l’INPS (ed il responsabile del procedimento) dall’operare il paventato blocco: nel caso in cui l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale dovesse mettere in pratica la minaccia, non resta altra strada che quella di ricorrere al giudice delle esecuzioni perchè non è legittimo prelevare un importo a favore del creditore procedente solo in ragione dei ritardi riconducibili alla Pubblica Amministrazione, considerando che i singoli ratei, invece, sarebbero impignorabili ai sensi della normativa vigente.

Infatti, le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dal terzo, quarto e quinto comma nonché dalle speciali disposizioni di legge.

Così dispongono, fra gli altri, l’articolo 545 del codice di procedura civile nonché il messaggio INPS 168/2019, che prevedono che la trattenuta venga calcolata su ogni rateo arretrato di pensione applicando a ciascun rateo il minimo vitale impignorabile.

Ora, a partire da gennaio 2018, l’importo massimo dell’assegno sociale ammonta a 453 euro, erogato in tredici ratei esenti da tassazione IRPEF.

Quindi, la misura massima dell’assegno sociale, aumentata della metà, ammonta a circa 680 euro: ne discende che il rateo della pensione spettante a suo padre è impignorabile.

3 Ottobre 2018 · Lilla De Angelis

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: 


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 142 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Pignoramento arretrati pensione – Quali sono i limiti?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.