Multe per infrazione al codice della strada notificate via posta – Aumento tariffe: costeranno 3 euro in più

Argomenti correlati:

Qualche giorno fa ho letto di sfuggita sui social che, a causa di un aumento delle tariffe, le multe, originate da infrazioni al codice della strada, ricevute e notificate tramite posta ci costeranno ancora di più.

A cosa è dovuto questo aumento?

Di quanto si parla?

A partire dal 10 Giugno 2019 sara ancora più oneroso pagare una multa per infrazione al codice della strada: infatti, aumenteranno di circa 3 euro le spese di notifica di Poste Italiane.

L’aumento è la conseguenza dei rincari tariffari delle Poste dopo la reintroduzione dell’invio della Comunicazione di avvenuta notifica durante la procedura e l’aumento del numero di spedizioni per ciascun verbale.

In particolare, Poste Italiane aumenterà le tariffe degli atti giudiziari e delle comunicazioni connesse da 6,80 a 9,50 euro (+ 2,70 euro).

Di conseguenza le multe per non aver rispettato il Codice della Strada, notificate tramite posta ordinaria, saranno leggermente più salate.

L’importo aggiuntivo forfettario di 2,70 euro si riferisce alle spese relative alle Comunicazioni di Avvenuta Notifica (CAN) e di Avvenuto Deposito (CAD).

Comunicazioni eventualmente emesse ai sensi degli articoli 7 e 8 della legge 890/1982 e sinora addebitate al momento della restituzione dell’avviso di ricevimento.

L’aumento è stato calcolato sulla base dell’effettiva incidenza percentuale di tali comunicazioni sull’insieme complessivo delle notifiche, e sarà applicato agli invii in busta fino a 20 grammi.

Poste Italiane, nel comunicare la novità, ha specificato che l’importo di 9,50 euro per la notifica multa via posta potrà essere soggetto in futuro a ulteriori revisioni annuali.

Ciò accadrà se ci saranno variazioni delle tariffe unitarie o dell’incidenza dell’evento.

Ovviamente gli eventuali nuovi importi saranno resi noti con un preavviso di almeno 30 giorni.

Sempre Poste Italiane ha ricordato al pubblico la possibilità di richiedere la restituzione dell’Avviso di Ricevimento dell’Atto Giudiziario tramite PEC.

Alternativa pratica e moderna alla restituzione dell’avviso con posta ordinaria.

Per attivare questa funzionalità l’utente deve comunicare a Poste Italiane il proprio indirizzo di posta elettronica certificata mediante gli appositi strumenti informatici a disposizione sul sito poste.it.

È perciò compito di ogni utente fornire un indirizzo PEC valido, nonché garantire il buon funzionamento della propria casella PEC.

In caso di disguidi relativi alla casella sarà comunque messo a disposizione l’originale cartaceo della notifica.

4 Giugno 2019 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità di tasse e multe per infrazione al Codice della strada - Cosa bisogna pagare e cosa no?
Dopo il decesso di mio figlio ho trovato una Raccomandata di Equitalia e una della SORI di Prato: essendo l'unico erede vorrei sapere: oltre al nominale di IRPEF, Addizionale Comunale + Regionale all'IRPEF, Tassa Automobilistica, Tributo Smaltimento Rifiuti, Imposta sostitiva contribuenti minimi, tutte le altre voci come interessi di mora, sanzioni pecunarie, somme aggiuntiva tardivo e/o omesso versamento, costo notifica sono anche queste dovute dall'erede? Per le Contravvenzioni al Codice Strada NULLA è dovuto? Da questi 2 enti ho avuto pareri diversi. ...

Cartella esattoriale per infrazione codice della strada senza targa auto
Ho ricevuto ieri a casa di mia madre (dove non risiedo da 20 anni) una cartella esattoriale Equitalia contenente 4 verbali di dicembre 2007, tutti per infrazioni al codice della strada emessi dal Comune di Roma, volevo sapere se è normale l'assenza della targa del veicolo, l'invio ad un vecchio indirizzo e la mancata ricezione dei verbali di accertamento 4 anni fa. ...

Nel verbale di multa sono sufficienti le sole indicazioni del giorno dell'ora e della località in cui è stata commessa l'infrazione al codice della strada
In tema di sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada, il verbale di contestazione della infrazione deve contenere gli estremi dettagliati e precisi della violazione con riguardo al giorno, ora e località, prescrizioni dirette entrambe a garantire l'esercizio del contraddittorio da parte del presunto contravventore, ed a fronte delle quali, ove sia stata indicata nel verbale la strada, è priva di fondamento la doglianza relativa alla mancata indicazione del numero civico, non confortata dalla prova, relativa alle caratteristiche del luogo ed al sito esatto in cui il veicolo si trovava, atta ad escludere che fosse stata commessa l'infrazione. In ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Multe per infrazione al codice della strada notificate via posta – Aumento tariffe: costeranno 3 euro in più