Multa per guida con patente revocata - Dovendo pagarla posso avere una riduzione perché percepisco un reddito basso?

Il mio compagno ha guidato la mia auto a mia insaputa avendo la patente revocata da anni. Ora dovrebbe pagare la multa ma è disoccupato. Può chiedere al giudice di pace di poter svolgere dei lavori socialmente utili per risanare la multa? Nel caso non fosse possibile e la multa passasse a nome mio posso fare richiesta al giudice di pace di non pagarla in quanto ero estranea al fatto che lui l'avesse utilizzata? O una riduzione della multa stessa avendo il reddito basso?

Il proprietario del veicolo, in quanto responsabile della circolazione dello stesso nei confronti delle pubbliche amministrazioni è tenuto sempre a conoscere l'identità dei soggetti ai quali ne affida la conduzione ed è in ogni caso coobbligato al pagamento della sanzione comminata al conducente in seguito ad infrazione al codice della strada.

Lei non può, dunque, affermare che era estranea al fatto che il suo compagno avesse utilizzato il veicolo, a meno di non sporgere denuncia per furto.

Non è prevista una riduzione dell'importo della sanzione amministrative per chi percepisce un reddito basso, ma l'articolo 202 bis del codice della strada descrive, nel dettaglio, la procedura da seguire per ottenere la rateazione della multa, i requisiti e gli obblighi per poter fruire del beneficio.

In particolare, può presentare istanza di rateazione della sanzione amministrativa chi è titolare di un reddito imponibile ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a euro 10.628,16. Se l'interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l'istante, e i limiti di reddito di cui al periodo precedente sono elevati di euro 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.

In caso di condanna penale per guida sotto l'influenza dell'alcool o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti la pena detentiva e pecuniaria può essere sostituita con quella del lavoro di pubblica utilità.

3 gennaio 2018 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa - pagamento rateale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Patente a punti » Quando non c'è obbligo di comunicare i dati del conducente
In tema di patente a punti, non sussiste l'obbligo di comunicare i dati del conducente per chi ha effettuato il ricorso alla multa principale. Segnaliamo una nuova significativa sentenza in materia di patente a punti ed obbligo di comunicare i dati del conducente, secondo la quale chi impugna il verbale ...
Ricorso a verbale di multa - per il Giudice di Pace il termine è di trenta giorni
Il 1° settembre 2011 il consiglio dei ministri ha approvato in maniera definitiva il decreto legislativo recante disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili, decreto che riduce a 30 (trenta) giorni il termine concesso per presentare al Giudice di Pace un ...
Multa ed errori nel verbale - Quando può essere considerata nulla?
Mi è stata fatta una multa per divieto di sosta dai vigili urbani. Dopo un pò di tempo mi è stato notificato a casa il verbale. Guardando attentamente, ho notato che erano stati omessi dei dettagli. Più precisamente, non erano indicati nè il modello nè la marca dell'autovettura, ma solo ...
Rateazione della multa - Quando e come è possibile ottenerla
Multa e rateazione - I requisiti per accedere al beneficio Innanzitutto, per poter accedere al beneficio della rateazione della multa occorre che l'importo della sanzione superi i 200 euro. Debbono poi essere verificate le condizioni seguenti: il reddito imponibile del soggetto obbligato al pagamento non deve superare 10.628,16 euro. Questo ...
Impugnazione di una multa » L'amministrazione non si costituisce in giudizio? La sanzione è prescritta!
Se l'ente pubblico non si costituisce in giudizio davanti al giudice di pace, qualora sia in corso un procedimento di impugnazione contro un verbale di multa, la prescrizione non si interrompe, e la sanzione non deve essere onorata anche in caso l'automobilista abbia torto. Buone nuove per l'automobilista che impugna ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca