Corso a pagamento pagato tramite finanziamento – Azienda fallita: posso pretendere restituzione rate già pagate?

Argomenti correlati:

A gennaio 2016, ho sottoscritto tramite un intermediario un contratto di finanziamento finalizzato al pagamento di un corso di cucina avanzata (comprensivo anche di corsi di lingua inglese, tedesca, ed altro), della durata di 36 mesi a partire da febbraio 2016.

Il contratto prevedeva l’erogazione di 4.760 euro, comprensivo di oneri e costi di finanziamento da restituirsi in 40 rate mensili dell’importo di 119 euro, con mia madre che ha fatto da garante.

Un anno e cinque mesi dopo l’inizio del corso, a luglio di quest’anno, la società organizzatrice del corso è fallita.

Dato che il finanziamento era connesso all’erogazione del corso, ho richiesto alla società la sospensione del contratto e la restituzione di quanto già pagato, ma la stessa si è rifiutata.

E’ legittima questa cosa? Devo continuare a pagare senza aver niente dietro?

In questi casi, parliamo di contratti di credito collegati (nella fattispecie di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi), la prima cosa da fare è quella di mettere in mora la società che ha organizzato il corso.

Qualora questa mossa non desse i risultati sperati, è possibile rivalersi contro la società erogatrice del finanziamento, che ha l’obbligo di rimborsare al consumatore le rate già pagate, nonché ogni altro onere eventualmente applicato.

Infatti, l’arbitro bancario finanziario, intervenendo su una vicenda simile, con la decisione 8246/15, ha chiarito che la risoluzione del contratto di credito non comporta l’obbligo del consumatore di rimborsare al finanziatore l’importo che sia stato già versato al fornitore di beni o servizi.

Nei casi d’inadempimento del fornitore di beni e servizi, infatti, il consumatore che abbia effettuato inutilmente la messa in mora ha diritto di agire contro il finanziatore nei limiti del credito concesso, a condizione che vi sia un accordo che attribuisce al finanziatore l’esclusiva per la concessione di credito ai clienti del fornitore.

Inoltre, con la decisione 990/15, è stato sancito che nei contratti di credito a consumo collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi, il cliente, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi l’inadempimento del fornitore è di grave entità.

Il cliente ha l’obbligo di segnalare alla finanziaria il grave inadempimento del fornitore di beni o servizi mediante invio alla stessa di una lettera raccomandata con avviso di ricevimento, con allegata copia della diffida ad adempiere inviata al fornitore di beni e servizi.

Dunque, rispondendo alla sua domanda, le cose da fare sono due. In primis, la costituzione in mora della società che ha effettuato il corso. Per seconda cosa, una raccomandata alla società fornitrice del finanziamento con diffida ad adempiere. Secondo gli ultimi orientamenti, il contratto sarà sospeso e le sarà restituito quanto già pagato.

7 Dicembre 2017 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Finanziamento e carte revolving che non posso più pagare
Nel 2010 ho stipulato un contratto di finanziamento di 30 mila euro con luna finanziaria e richiesto unitamente due carte revolving. Il 31/12/2010 mi è stato revocato il contratto di lavoro e fino al mese di gennaio 2016 mia madre (garante per il contratto di finanziamento) mi ha aiutata a pagare le rate che su un totale di 120 ne ho pagate ad oggi n 63. Per quanto riguarda le carte revolving, una è stata annullata per restituzione anticipata del debito, l'altra sto continuando a pagare le rate unitamente alle rate del finanziamento. Purtroppo il 6 gennaio di quest'anno mia ...

Minaccia pignoramento per le rate non pagate di un corso che non ho mai frequentato
Nel 2005 mi sono iscritto ad un corso per i modelli: per motivi personali ho dovuto abbandonare gli studi e iniziare a lavorare, per ciò ho chiamato la scuola con la richiesta di annullare il contratto ma la mia richiesta non'è stata accettata. Ho pagato più della metà delle rate senza essere mai andato al corso. Per motivi economici non ho potuto finire di pagare tutte le rate. Nel 2013 mi arriva una lettera dallo studio legale di Roma (senza raccomandata) con l'avviso che devo pagare una somma di 2.000 euro più gli interessi e se non posso pagare la ...

Segnalazione crif per rate di finanziamento non pagate
Nel 2006 ho fatto da garante a mia madre per ottenere il mutuo per l'acquisto di una casa: nel 2010 ho fatto di nuovo da garante sempre a mia madre per un prestito. Dal 2012 in poi senza che io sapessi nulla mia madre ritardava i pagamenti del mutuo e addirittura non pagava quelli del finanziamento. Ho scoperto di essere segnalato al crif quando mi sono sposato e con mia moglie dovevo comprare casa e ci hanno rifiutato il mutuo. Premetto che anche se sono arrivate comunicazioni per i ritardi dei pagamenti mia madre mi ha tenuto sempre nascosto tutto. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Corso a pagamento pagato tramite finanziamento – Azienda fallita: posso pretendere restituzione rate già pagate?