Fatturazione illecita a 28 giorni per la telefonia mobile – Rimborsi? Niente da fare: ennesimo rinvio

E’ passato parecchio tempo e ne sono state dette e promesse tante, ma ancora non si è visto nemmeno un centesimo di rimborso per la fatturazione, illecita, a 28 giorni, al posto della classica mensile, disposta dalle compagnie telefoniche, a danno dei consumatori, per un breve tempo.

Mi avevano detto che entro fine Marzo 2019 si sarebbe mosso qualcosa: a che punto siamo?

La telenovela riguardante la battaglia tra consumatori e giganti delle telecomunicazioni sembra non avere fine: la decisione del Consiglio di Stato sui rimborsi da disporre ai consumatori per i giorni ingiustamente erosi sulla bolletta, slitta ancora.

Ripassiamo brevemente: il Consiglio di Stato aveva congelato i rimborsi, confermati dal Tar del Lazio, in attesa di conoscere le motivazioni della sentenza, che a novembre aveva confermato l’obbligo di restituire agli utenti i giorni erosi in bolletta, mentre aveva annullato le sanzioni comminate dall’Antitrust per le garanzie nelle comunicazioni verso Tim, Vodafone, Fastweb e WindTre per il mancato rispetto dell’obbligo di cadenza mensile delle fatturazioni

.

Ad oggi, però non è ancora arrivata la pubblicazione integrale delle motivazioni: mancano quelle della sentenza relativa a Tim.

Palazzo Spada, dunque, si è trovato nella condizione di non poter confermare i rimborsi, nonostante avesse indicato la scadenza del 31 marzo per la decisione finale.

A questo punto, il Consiglio di Stato– ha rinviato la decisione riguardante tutti i rimborsi (anche relativi a Wind 3, Vodafone e Fastweb dei quali sono note le motivazioni del Tar, a fine maggio 2019.

La vicenda dunque slitta ancora in avanti.

La nuova attesa solleva le proteste delle associazioni consumatori.

La giustizia continua a non funzionare, assecondando la politica dilatoria delle compagnie telefoniche, che si arrampicano sui muri e sugli specchi pur di rinviare il sacrosanto rimborso agli utentii.

Oltre 10 milioni di italiani attendono da mesi i rimborsi cui hanno diritto per aver subito le illegittime bollette a 28 giorni che hanno prodotto un illecito rincaro delle tariffe.

Dai tribunali arrivano però sentenze contrastanti e continui rinvii delle decisioni che gettano caos nella vicenda e avvantaggiano unicamente le compagnie telefoniche, permettendo loro di non corrispondere i rimborsi che secondo l’Agcom sono dovuti agli utenti.

Attendiamo ora di leggere le motivazioni del Consiglio di Stato e sulla base di quelle valuteremo le azioni da intraprendere a tutela dei consumatori italiani.

20 Marzo 2019 · Patrizio Oliva



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti