Distacco da impianto di riscaldamento centralizzato del condominio - Vogliono farmi pagare lo stesso

Dopo delle divergenze reiterate nel tempo con l'amministratore condominiale, ho deciso di distaccarmi dall'impianto centralizzato di riscaldamento e ho speso parecchio per adibirne nella mia abitazione uno autonomo.

Dopo questo mio intervento, è iniziata una sorta di persecuzione sia da parte dell'amministratore sia che da alcuni condomini.

Praticamente, vogliono costringermi a pagare comunque il mio contributo, anche se non ne usufruisco più, poiché, dicono, è scritto nel regolamento.

Specifico che non ho alcuna intenzione di pagare e vorrei sapere se c'è qualche valido motivo a cui appellarmi.

Secondo giurisprudenza consolidata, all'interno di un condominio, se si decide di distaccarsi dall'impianto di riscaldamento centralizzato, vanno sostenute solo le eventuali spese di conservazione del sistema (sostituzione o riparazione) e non, invece, quelle di gestione (consumo).

Dunque, è legittima la rinuncia di un condomino all'uso dell'impianto centralizzato di riscaldamento, anche senza necessità di autorizzazione o approvazione da parte degli altri condomini, purché l'impianto non ne sia pregiudicato, con il conseguente esonero, dall'obbligo di sostenere le spese per l'uso del servizio centralizzato.

Inoltre, il condomino che decide di rinunciare all'uso dell'impianto di riscaldamento centralizzato è tenuto a pagare esclusivamente le spese di conservazione dell'impianto stesso e non ha alcuna rilevanza, in tal senso, la disposizione eventualmente contraria contenuta nel regolamento di condominio (anche se di natura contrattuale) essendo quest’ultimo un contratto atipico meritevole di tutela solo in presenza di un interesse generale dell'ordinamento.

In altre parole, è affetta da nullità la clausola regolamentare impeditiva del distacco del singolo condomino, così come la correlata previsione che obblighi il condomino al pagamento delle spese di gestione malgrado il distacco.

Faccia sapere al suo amministratore condominiale che sul tema è intervenuta la Corte di Cassazione, con la pronuncia 11970/2017.

22 dicembre 2017 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

condominio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riforma del condominio e distacco da impianto centralizzato di riscaldamento e raffreddamento
La riforma del condominio ha, espressamente, ammesso la possibilità del singolo condomino di distaccarsi dall'impianto centralizzato di riscaldamento o di raffreddamento ma a condizione che dimostri che dal distacco non derivino notevoli squilibri di funzionamento dell'impianto od aggravi di spesa per gli altri condomini. Il condomino che intende distaccarsi deve, ...
Distacco dall'impianto di riscaldamento centrale
Per quanto riguarda il distacco dall'impianto di riscaldamento centrale, rimane come premessa, che a norma dell'articolo 1117 del codice civile, l'impianto di riscaldamento fino al punto di diramazione nelle varie proprietà esclusive, si presume di proprietà comune a tutti i condomini e che, a norma dell'articolo 1102 del codice civile, ...
Legittima la rinuncia unilaterale del condomino all'uso dell'impianto di riscaldamento centralizzato
E' legittima la rinuncia di un condomino all'uso dell'impianto di riscaldamento centralizzato anche senza necessità di autorizzazione o approvazione da parte degli altri condomini, purché l'impianto non ne sia pregiudicato, con il conseguente esonero dallobbligo di sostenere le spese per l'uso del servizio centralizzato e l'obbligo di pagare solo le ...
Debiti e condominio - L'amministratore deve fornire al creditore l'elenco dei debitori morosi
Come sappiamo, quando il condominio contrae un debito, per il suo rimborso viene effettuata la ripartizione in base ai millesimi. In questa ipotesi, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione dell'assemblea, può ottenere un decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo nei confronti dei condomini morosi, ed è tenuto a comunicare ai creditori, non ancora ...
Condominio, debitori e pubblica gogna - amministratore condannato
Esemplare la sentenza numero 4364, del 29 gennaio 2013, con cui la Corte di Cassazione sancisce il principio secondo il quale l'amministratore di un condominio non può rendere pubblici, tramite affissione sulla porta dell'ascensore, i nomi dei condomini non in regola coi pagamenti, anche se sussiste una situazione di urgenza ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca