Disdetta o recesso anticipato del contratto Sky – Come eseguire la procedura correttamente e riconsegnare il decoder

Pago troppo per utilizzare i programmi Sky, e viste le varie offerte streaming che circolano, vorrei abbandonare la piattaforma: il mio contratto, però, scade a Gennaio 2020.

Devo pagare una penale per il recesso anticipato?

Quale procedura devo seguire?

Il decoder va restituito?

In linea di massima, per ottenere il recesso e la di disdetta del contratto Sky, si possono verificare tre ipotesi diverse: naturalmente la più frequente, e anche più conveniente, è quella di interrompere l’abbonamento alla sua scadenza naturale.

A questo scopo, occorre inviare il modulo di disdetta almeno 30 giorni prima della scadenza naturale del contratto, altrimenti scatterà il meccanismo di rinnovo automatico.

Se l’operazione viene portata a termine correttamente dall’utente, questi non dovrà sopportare alcun costo.

La seconda ipotesi di disdetta Sky è quella del recesso anticipato, rispetto alla scadenza naturale del contratto.

Se film e partite di calcio non vi interessano più, potete compilare in qualsiasi momento l’apposito modulo (che sul sito di Sky è denominato “Modulo recesso a scadenza anticipata”) e inviarlo ai recapiti dell’emittente.

Il contratto, in questo caso, rimane efficace per almeno altri 30 giorni, fino alla fine del mese successivo: in sostanza, una comunicazione di recesso anticipato inviata a metà aprile comporterà la conclusione del rapporto a fine maggio.

Al proposito, occorre tenere presente che il canone di abbonamento va pagato fino a quando il contratto non perde efficacia.

Quindi, nell’esempio indicato poco sopra, l’utente dovrà pagare anche il canone per l’intero mese di maggio (mese in cui, peraltro, potrà continuare a vedere tutta la programmazione relativa al suo abbonamento).

Dal momento che si tratta di un recesso anticipato, non rispettoso della scadenza naturale del contratto, è previsto un costo di disattivazione a carico del cliente, pari a 11,53 euro.

Inoltre, l’utente dovrà rimborsare gli eventuali sconti di cui ha usufruito in relazione all’abbonamento in corso.

Il terzo tipo di disdetta Sky è rappresentato dal classico recesso entro 14 giorni dall’attivazione del servizio.

Come dispone il Codice del Consumo, tale tipo di recesso, completamente gratuito, è a disposizione di quanti abbiano stipulato il contratto con il fornitore fuori dai suoi locali commerciali oppure quando il contratto sia stato concluso a distanza (ad es. al telefono oppure online su internet).

Comunque sia, in tutti i casi sopra esaminati, per disdire l’abbonamento Sky è sufficiente scaricare gli appositi modelli di disdetta o recesso disponibili sul sito web dell’azienda, stamparli e compilarli completi di firma del cliente.

Va ricordato, infine, che la restituzione del decoder di Sky rappresenta un adempimento obbligatorio per il cliente che ne riceva apposita richiesta, al momento della cessazione del contratto di abbonamento.

Infatti, il decoder Sky e ogni altra apparecchiatura necessaria alla fruizione dei servizi, sono consegnati al cliente a titolo di comodato d’uso gratuito al momento dell’attivazione dei servizi, ma rimangono a tutti gli effetti di proprietà dell’azienda.

8 Ottobre 2019 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contenzioso con fastweb per addebito dovuto a recesso anticipato
Nei primi giorni di dicembre 2013 ho sottoscritto, via telefono, un contratto adsl + fisso con fastweb, migrando da telecom: in data 24/12/13 parte la fornitura del servizio. L'operatore, all'atto della sottoscrizione, mi aveva detto che la promozione sarebbe durata un anno e che prima della scadenza avrei dovuto chiamare per accedere ad altra promozione. Cosi ho fatto, ma da ottobre 2014 in poi nessun operatore mi ha più offerto niente e l'unica scelta era: pagare per intero dopo la scadenza o recedere. Ho scelto la seconda e d'accordo col il servizio clienti ho presentato domanda scritta intorno alla metà ...

Recesso anticipato del conduttore dal contratto di locazione ad uso non abitativo - Sopravvenienza di gravi motivi ed eccezioni
I gravi motivi che consentono il recesso del conduttore dal contratto di locazione devono essere determinati da fatti estranei alla sua volontà, imprevedibili e sopravvenuti alla costituzione del rapporto. Tale requisiti ricorrono anche quando una nuova normativa imponga al conduttore l'osservanza di determinate regole per lo svolgimento dell'attività programmata all'interno dell'immobile, in forza delle quali quest’ultimo diviene inidoneo allo scopo. Tuttavia, qualora dopo l'insorgenza dei gravi motivi, il contratto di locazione perviene alla naturale scadenza, il rimedio per porre fine al rapporto è quello della disdetta formale, che ne impedisca la rinnovazione tacita. Se, invece, le parti lasciano che il ...

Addebito dei costi di attivazione anche con recesso effettuato entro 14 giorni
A Ottobre 2015 ho sottoscritto un contratto con un operatore per la fornitura del servizio adsl: ho poi esercitato il mio diritto di recesso entro le due settimane dall'attivazione del sevizio in quanto non ritenevo adeguate le prestazioni fornite. Il contratto è stato correttamente rescisso e non mi è stato addebitato alcun costo. Passano dei mesi e alcuni giorni fa ricevo una bolletta nella quale l'operatore mi chiede di pagare €119.92 per i costi di attivazione del servizio che ho rescisso entro i termini di legge. Non senza difficoltà, sono riuscito a parlare con un'impiegata molto poco cortese la quale ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Disdetta o recesso anticipato del contratto Sky – Come eseguire la procedura correttamente e riconsegnare il decoder