Contenzioso con fastweb per addebito dovuto a recesso anticipato

Nei primi giorni di dicembre 2013 ho sottoscritto, via telefono, un contratto adsl + fisso con fastweb, migrando da telecom: in data 24/12/13 parte la fornitura del servizio.

L'operatore, all'atto della sottoscrizione, mi aveva detto che la promozione sarebbe durata un anno e che prima della scadenza avrei dovuto chiamare per accedere ad altra promozione.

Cosi ho fatto, ma da ottobre 2014 in poi nessun operatore mi ha più offerto niente e l'unica scelta era: pagare per intero dopo la scadenza o recedere.

Ho scelto la seconda e d'accordo col il servizio clienti ho presentato domanda scritta intorno alla metà di dicembre 2014 per cessare a fine mese, quindi oltre il 24/12/14 che rappresentava il 365 giorno.

Fastweb mi ha inviato prima la bolletta di novembre e dicembre 2014, poi gennaio e febbraio 2015 e in seguito nota di credito per quest'ultima, certificando la chiusura del servizio al 31/12/14.

Dopo aver pagato tutto e restituito gli apparati, mi è arrivata una fattura per recesso anticipato di 119 euro: non ritenendo giusto quanto richiesto ho parlato più volte con il loro servizio clienti, ma ora mi scrive, con lettera semplice, una societa di recupero crediti.

Cosa devo fare?

Il contributo di attivazione delle offerte Fastweb è incluso per i clienti che rimangono con Fastweb per almeno 24 mesi.

Al cliente che recede prima dei 24 mesi Fastweb addebita, come riportato nelle condizioni generali di contratto, il valore della promozione fruita sul contributo di attivazione che varia in base all'offerta sottoscritta, al periodo e alle modalità di adesione e al mantenimento o meno del numero telefonico.

Qui, potrà verificare che la pretesa dei 119 euro si riferisce proprio al contratto da lei attivato e recesso prima della scadenza biennale.

Chiarito questo aspetto (l'importo richiesto è dovuto), va poi aggiunto che sono migliaia le posizioni debitorie di utenti di servizi di fonia, relative a penalità di recesso anticipato irrogate agli ex clienti dagli operatori di fonia ed accesso ad internet, che le società di recupero crediti tentano timidamente di chiudere, ben consapevoli che nessuna azione esecutiva giustifica i costi certi da anticipare per incassare (forse) gli esigui importi in gioco.

Si tratta di quell'attività che nell'ambiente viene indicata con il termine di "pesca a strascico": in pratica si inviano centinaia di comunicazioni con la pretesa del credito nella speranza che qualcuno adempia, garantendo così un lucroso guadagno rispetto al costo (pressoché insignificante) del pacchetto di posizioni debitorie acquisito.

17 febbraio 2016 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Canone RAI in bolletta elettrica - Rischio incombente di doppio addebito del tributo
La legge prevede che per i titolari di utenza di fornitura di energia elettrica, il pagamento del canone avviene in dieci rate mensili, addebitate sulle fatture emesse dall'impresa elettrica aventi scadenza del pagamento successiva alla scadenza delle rate. Le rate, ai fini dell'inserimento in fattura, s'intendono scadute il primo giorno ...
Recesso anticipato del conduttore dal contratto di locazione ad uso non abitativo - Sopravvenienza di gravi motivi ed eccezioni
I gravi motivi che consentono il recesso del conduttore dal contratto di locazione devono essere determinati da fatti estranei alla sua volontà, imprevedibili e sopravvenuti alla costituzione del rapporto. Tale requisiti ricorrono anche quando una nuova normativa imponga al conduttore l'osservanza di determinate regole per lo svolgimento dell'attività programmata all'interno ...
Disservizi per i consumatori con le bollette del gas » Eni obbligata a risarcire migliaia di clienti
Bollette del gas, Eni deve risarcire 100.000 clienti per disservizi. La società obbligata a pagare 25 euro a testa, per un totale di 2,5 milioni di euro. L'Eni dovrà risarcire con un indennizzo di 25 euro a testa oltre 100.000 suoi clienti che hanno subito disservizi sulla fatturazione delle bollette ...
Disservizi voce ed internet - L'utente può chiedere il risarcimento danni all'operatore con cui ha stipulato il contratto di fornitura
Un professionista stipulava con un operatore telefonico alternativo (OLO) un contratto per la fornitura di servizi telefonici relativi alla rete fissa (chiamate voce ed ADSL per l'accesso ad internet). L'utente conveniva in giudizio l'operatore, rilevando il non corretto funzionamento dei servizi e chiedendone la condanna al risarcimento dei danni. I ...
Procedura di conciliazione per le controversie relative alla fornitura di energia elettrica e gas - Obbligatoria da gennaio 2017
Dal gennaio 2017, dopo il reclamo all'operatore, il tentativo di conciliazione presso il Servizio dell'Autorità per le controversie dei clienti di energia elettrica e gas nei confronti delle imprese - che saranno obbligate a prendervi parte - diventa il principale luogo di risoluzione delle problematiche tra le parti. In caso ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca